Una strana battaglia forse non avvenuta

Austria-Ungheria, K&K, "vecchie province" e ...
You can also write in English, as a new 'lingua franca'
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
senator
senator
Messaggi: 41560
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Una strana battaglia forse non avvenuta

Messaggio da babatriestina »

Scopro questa storia su cui qualcuno emette dubbi sulla veridicità, ma la trovo citata da più fonti:
https://it.wikipedia.org/wiki/Battaglia ... 3%A1nsebes

La cosiddetta battaglia di Karánsebes fu un incidente di fuoco amico, sulla cui effettiva esistenza ci sono vari dubbi[1], avvenuto tra i soldati dell'Impero asburgico nel 1788.


Durante la guerra turco-austriaca del 1787-91 una forza asburgica di circa 100.000 uomini, si era accampata nella città banatina di Caransebeș (allora Regno Apostolico d'Ungheria e dal 1919 parte della Romania) per attraversare il fiume Timiș. Fu allora che avvenne l'incidente.
L'incidente

Il 17 settembre 1788, l'avanguardia (composta prevalentemente da ussari) attraversò il fiume per cercare qualche possibile presenza degli ottomani: non li trovò, ma si imbatté in un gruppo di rom, da cui acquistò dei liquori. Poco dopo un reparto di fanteria attraversò il fiume e, imbattutosi negli ussari ormai ubriachi, chiese che fosse dato anche a loro del liquore.

Iniziò quindi una rissa, con i cavalieri austriaci che innalzarono delle fortificazioni fittizie. A quel punto i fanti, per far fuggire gli ussari, iniziarono a gridare Turcii! Turcii! (romeno; "I turchi! I turchi!"). Subito il panico si impadronì dei soldati e uno di essi accidentalmente sparò. Lo sparo innestò una reazione a catena; infatti gli ussari e i fanti credevano che i rispettivi compagni fossero dei turchi travestiti da austriaci o da rumeni.

Per calmare il subbuglio arrivarono allora gli ufficiali austriaci con la cavalleria, gridando Halt! (tedesco; "Stop!"). Le unità romene, a cui si erano unite unità lombarde e slovacche, non capirono il segnale degli ufficiali ed equivocarono l'Halt! degli ufficiali per un Allah! e scambiarono la cavalleria in arrivo per delle equivalenti unità turche che avessero iniziato una carica.

Come se non fosse bastato ciò, anche un comandante di corpo d'armata si confuse e ordinò all'artiglieria di aprire il fuoco.

Ogni soldato oramai stava fuggendo sparando a qualsiasi cosa vedesse muoversi; lo stesso imperatore Giuseppe II fu scaraventato dal suo cavallo in un ruscello senza riportare danni degni di nota. Due giorni dopo l'esercito ottomano arrivò sul posto, e vide circa 10.000 soldati morti o gravemente feriti, senza che avessero effettivamente mosso alcun attacco bellico.


Possiamo fare una considerazione a riguardo: l'esercito asburgico era veramente plurilingue e fu per questo che appunto Giuseppe II tentò di imporre il tedesco come lingua obbligatoria ( e difatti successivamente i comandi principali furono dati in tedesco dopo averli fatti imparare alle reclute- papà me ne parlava a proposito dell’addestramento a Voitsberg in Stiria nel 1917). Lo stesso un secolo dopo a fine ottocento fecero gli zar imponendo l'uso del russo nel domini imperiali anche non russofoni.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “Mitteleuropa Treffpunkt”