Editoria

a Trieste, dele grandi industrie el negozietto soto casa: de una volta e de oggi
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
senator
senator
Messaggi: 41582
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Editoria

Messaggio da babatriestina »

A Trieste ci sono state e ci sono ancora diverse case editrici, spesso di interesse locale. ricordiamo i Treves presenti e Trieste, la Borsatti (oltre che libreria) la sezione editoriale della Modiano, la Italo Svevo.
Adesso sembrano in chiusura la Lint editoriale "arriva la notizia che anche la casa editrice Lint ha cessato l’attività, impoverendo vieppiù il mondo del libro triestino. Peraltro la Lint non produceva titoli nuovi dal 2018 e già da un po’ si vociferava che Giancarlo Stavro Santarosa, al timone dalla fine degli anni Novanta, volesse passare la mano. «Avevo verificato l’interesse a rilevare l’attività - commenta Stavro - ma ho riscontrato solo l’interesse per i titoli a catalogo e non per l’attività in sé. Nessuna manifestazione di interesse si è mai concretizzata in una cessione». Così a inizio 2023 la Lint, acronimo di "libri e interessi dei nostri tempi", fondata nel 1962 da Riccardo Maetzke, è stata cancellata dal registro imprese. Durante questi anni la casa editrice si è occupata della pubblicazione di opere di circa duecento autori, tra i quali Julius Kugy, Pino Roveredo, Claudio Magris e Spiro Dalla Porta Xydias. L’occhio è sempre stato rivolto prevalentemente al settore locale. «Quello dell’editoria locale - aggiunge Stavro - è un settore molto difficile e poco remunerativo. Spesso portato avanti più per passione che per effettiva redditività da chi se ne occupa». «Arrivato alle soglie degli ottant’anni dopo una vita di lavoro in vari ambiti dell’editoria e dell’industria grafica - conclude Stavro - sento l’esigenza di dedicare tempo a me e alla mia famiglia». "

Ha chiuso pure la beit, che stampava interessanti libri di storia di nazioni meno note "Prima della Lint, nel 2019, a cedere le armi era stata un’altra casa editrice triestina, la Beit, che aveva in catalogo una serie di monografie dedicate alle storie nazionali dei paesi della nuova Europa e ai protagonisti della geopolitica contemporanea."

tien duro per poco la mgs press "«Un anno, al massimo due e chiudo anch’io», dice Carlo Giovanella di Mgs Press. E spiega: «Alla mia età mi sono stufato di trascinare scatoloni. Passerei volentieri la mano, ma i giovani preferiscono il posto fisso». " ( fonte https://ilpiccolo.gelocal.it/cultura-e- ... -12877120/)

però questi pessimisti dimenticano l'attività della Luglio

Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “Industrie e comerci”