Informazioni sulla privacy

Strumenti Utente

Strumenti Sito


monumenti:stilitrieste_rinascimento

Gli stili architettonici e Trieste

Tutte e immagini possono essere ingrandite facendo clic su di esse con il pulsante sinistro del mouse.

Rinascimento e Barocco

Nel Cinquecento a Trieste non ci sono particolari edifici, per cui lo stile rinascimentale originale non è rappresentato, però nell'ottocento molti edifici in stile storico si rifaranno a modelli rinascimentali, ispirati alle diverse regioni italiane: lo stile toscano e soprattutto fiorentino, non senese, ispirò diversi palazzi triestini di fine ottocento: come modello originale, Palazzo Medici Riccardi a Firenze

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_dscf3688.jpg

e le case triestine ispirate allo stile

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_dscf2265.jpg www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_dscf2271.jpg

altri li trovate in Piazza S Antonio Nuovo o quello all'angolo di via Battisti-via Rossetti con la Farmacia. Casa Leitemburg, il prototipo del neotoscano triestino In genere, si trovano spesso nei rioni non molto centrali allora verso Barriera, via Vasari, via Foscolo, e gli stessi architetti ( vedi arch, Mosco) li alternano ad edifici liberty.

Anche la palazzina dell'ex ospedale della Maddalena, ultimissimi anni dell'ottocento, è un cotto ispirato allo stile toscano www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_maddalena1.jpg www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_maddalena2.jpg

Un altro stile ripreso a Trieste alla fine dell'Ottocento è quello veneziano rinascimentale. I primi edifici rinascimentali, fra il Quattro e il primo Cinquecento, sono caratterizzati da archi a tutto sesto, ma soprattutto da decorazioni di marmo, in particolare da tondi in marmo colorato, come questo sul canal Grande

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_1612.jpg

a questo stile è ispirato questo palazzo in Corso, che ospita il circolo della Stampa

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_veneziancorso.jpg

questo è cinquecentesco, il cortile di Ca' Rezzonico

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_1618.jpg

e questo è in Ponterosso

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_venezianponterosso.jpg

le finestre fanno riferimento a quelle di Palazzo vendramin Calergi

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_veneziandettponter.jpg

le originali di Ca Rezzonico

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_1624.jpg

lasciamo un po' da parte Venezia, e torniamo allo stile cinquecentesco, in particolare Michelangelo a Roma progettò degli edifici , fra cui quelli del Campidoglio: guardiamo uno dei palazzi ( foto fonte wiki) è quello del Museo Capitolino:

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_800pxmuzeumkapitolinskie.jpg

troviamo due caratteristiche che si ritroveranno un po' dappertutto in Europa, e anche nel revival ottocentesco triestino: 1 la balaustrata con le statue ( S Antonio Nuovo e il Tribunale.) 2 le colonne o lesene che corrispondono a più piani, è detto stile gigante un bell'esempio di stile gigante sono le Poste a Trieste

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_giganteposte.jpg

sempre per lo stile gigante, lo troviamo in moltissimi edifici neoclassici, uno per tutti, casa Pimodan

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_gigantepimodan.jpg

ma anche i palazzi neoclassici di via Torino e mi sembra di percepirne un'eco un un palazzo anni trenta di Largo Barriera

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_donda.jpg

Ancora per lo stile tardo cinquecentesco, questo,

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_pal._marino_.jpg

(la foto è tratta da wikipedia) è un palazzo manieristico della fine del Cinquecento: Palazzo Marino a Milano, di fronte alla Scala :-D siamo nel genere che ispirò moltissimi palazzi tardoottocenteschi, a Trieste e immagino pure altrove, soprattutto le finestre coi timpani spezzati, i portoni affiancati da colonne, perfino nell'esedra di Piazza Oberdan, ormai addentro al Novecento, si stentava al allontanarsi da quello stile. Lo stile gigante sarà ripreso in un classicismo sei e settecentesco in tutta Europa nella costruzione di palazzi. Rimanendo al Cinquecento, vorrei segnalare una curiosità su Palladio, Palladio (http://it.wikipedia.org/wiki/Andrea_Palladio) vissuto nel Cinquecento, creò numerosi edifici meno manieristici e già precorrenti ( o almeno diedero ispirazione) al neoclassicismo. Famose le ville venete come questa ( da medesimo sito Wiki)

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_800la_rotonda.jpg

di cui abbiamo una modesta versione qua in Villa Porcia a Melara

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_cimg00420wt.jpg

Le ville palladiane ispirarono pure la società anglosassone, dallo stile Adam, anche se qualcuno lo definisce diverso, alle ville e palazzi americani, , per cui ho visto definire palladiana la Casa Bianca. Ma palladio, oltre a note chiese, costruì dei palazzi civili, come questo, al basilica di Vicenza

in cui fece uso di questo tipo di finestra, detta finestra serliana in riferimento ad un architetto Serlio , con un arco e due colonnette a lato, di cui i primi esempi sembrano già ad Efeso in un'architettura ellenistica, ma che verrà molto ripresa: la troviamo ad esempio a Milano nel cortile di Brera

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_0285.jpg

ma anche a Trieste, per esempio nella finestra della ottocentesca Villa Lazarovich, dove abitò Massimiliano in attesa della costruzione di Miramare

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_3490.jpg

Un'altra bella finestra serliana a Trieste la troviamo sul campanile della Pescheria

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_0223.jpg

ma la finestra serliana ha superato i secoli e si intravede ancora come ispirazione pure nello stile postmoderno, che reintroduce ornamenti nello stile precedente razionale, come vediamo nella parte alta centrale del palazzo postmoderno del Lloyd a Campo Marzio

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_serliopostmoderno.jpg

Per tornare ad edifici originali di epoca rinascimentale, e non a copie ottocentesche, c'è poco a Trieste, perchè il periodo rinascimentale fu per Trieste un periodo di crisi, guerre, pestilenze… c'era poco da costruire, i “palazzi” delle Casade erano case con stemmi, le scuole edifici senza pretese di stile, il palazzotto del Comune poi teatro san pietro in piazza Grande verrà demolito nell'Ottocento.. il solo edificio di stile ancora rinascimentale, ma seicentesco è Palazzo Marenzi, anche se il Piccolo di oggi lo chiama settecentesco- appena ricostruito, con balconcini e belle finestre con arco a tutto sesto

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_1568.jpg

( tralascio il palazzo vescovile a san Giusto perchè modesto, tranne gli stemmi sul portale.) anche il Seicento non è un secolo particolarmente felice per Trieste, però dal punto di vista stilistico e monumentale , compare un edificio insolitamente grande per l'epoca e per le dimensioni della cittadina: la chiesa dei Gesuiti, S Maria Maggiore. E qui raggiungiamo lo stile barocco.

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_1088.jpg

in realtà, la chiesa originaria non prevedeva questa prospettiva , inserita com'era nei fitti quartieri popolari di allora, per cui dicono che le visioni migliori si abbiano di scorcio:

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_0089.jpg www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_0090.jpg

cosa c'è di barocco e di cambiato rispetto al classicismo manierista? le lesene sono raggruppate come in una prospettiva teatrale, i timpani e i cornicioni sono spezzati, le cornici si ripetono una dentro nell'altra.. il termine barocco l'ho visto usare sia per lo stile del seicento sia per alcune varianti settecentesche prima della grazia del rococò, soprattutto in ambiente tedesco..

Per l'interno, che poi è stato costruito in tempi lunghi per cui alcune parti sono più tarde, vanno tenute presenti le indicazioni del Concilio di Trento relative all'architettura delle chiese: per motivi devozionali e teologici, sono sconsigliate le tre navate e si insiste sulla navata unica, al massimo con cappelle laterali, e poi grande enfasi viene data all'altar maggiore e al pulpito. In particolare l 'architettura gesuitica , con pitture, soffitti affrescati in prospettiva immagini, statue di Santi, diffonderanno questo stile in tutta l'Europa cattolica, incluse le parti cattoliche di Austria e Germania ( per l'Austria, la guerra dei Trent'anni e conseguenze elimineranno la più parte degli influssi protestanti). Per cui le chiese gesuitiche saranno piuttosto simili: un paio di immagini: la navata centrale dei nostri Gesuiti:

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_1551.jpg

da Roma la chiesa-madre delle chiese controriformistiche, Il Gesù di Roma

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_il_gesu.jpg

per il medesimo stile: Saint Paul nel quartiere omonimo a Parigi

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_0474.jpg

sempre a Parigi.Saint Sulpice

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_0764.jpg

( nota anche dal bestseller Il codice da Vinci) vogliamo vedere più vicino a noi? eccovi la cattedrale di Lubiana

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_1789.jpg

anche se parte della decorazione può essere già settecentesca, ma la chiesa è attribuita al medesimo Andrea Pozzo autore di affreschi a sant'Ignazio a Roma

la chiesa dei Domenicani a Vienna 1631-1634 dell'architetto Antonio Canevale ed è considerata fra Barocco e stile controriformistico

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_3720.jpg

che però, vista la ricchezza della decorazione, gli stucchi, le dorature, incomincia già ad avvicinarsi al rococò, versione tedesca, che qui a Trieste non si vede: forse sarà stato in quello stile la prima chiesa settecentesca di S Antonio nuovo, demolita per far posto all'attuale neoclassica.

La chiesa dei Gesuiti di Vienna

www.atrieste.eu_foto_a002_vienna3_vienndicembre201652.jpg

davanti a questi edifici fastosi, al nostra povera seicentesca chiesa del Rosario fa una ben magra figura..

mentre il Barocco si trasformava in Rococò nei paesi tedeschi, in Francia e altrove si elaborava uno stile pure seicentesco, alla corte del re Sole, con il castello di Versailles ma non solo, che riprendeva una sorta di classicismo e preparava forse al neoclassico: ecco la seicentesca Colonnade del Louvre, per cui aveva steso un progetto Bernini che però venne modificato

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_0753.jpg

a Trieste, una chiesa che nel suo interno riprende un po' lo stile controriformista, ma senza le decorazioni originali, è l'ottocentesca san Vincenzo de Paoli la cui facciata pure ripete lo stile gesuitico, che a sua volta si rifà ad uno stile rinascimentale ma anche romanico ( le facciate di s Maria Novella e forse anche duomo di Modena)

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_vincenzoarchi.jpg www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_vincenzofacciata.jpg

S Maria Novella

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_4057.jpg

tornando al classicismo francese del Seicento, un modello che verrà imitato è il castello di Versailles

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_0767.jpg

riprende ingrandendo e ripetendo lo schema dei palazzi michelangioleschi, con la balaustra terminale coronata da statue, un corpo centrale sporgente ornato da colonne, e pure sporgenti la ali. ( schema simile, anche nel nostro Tribunale..) Palazzo ricopiato nella maggior parte delle residenze reali europee, fino alla copia del Herrenchiemsee di Ludwig di Baviera a fine ottocento e ai palazzi di San Pietroburgo In particolare nella settecentesca reggia di Schoenbrunn

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_3832.jpg

Mi direte e che c'entra con Trieste? effettivamente qua di regge non ne abbiamo e palazzi del genere sono lontani dal nostro stile, però pensando a Schoenbrunn e al Gloriette non posso dimenticare la nostra povera copia di gloriette di stile ormai neoclassico, proveniente da una campagnetta sopra l'Aquedotto e trasferita vicino al Ferdinandeo!

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_3842.jpg www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_boschglor.jpg



Nota

Il testo è la trascrizione e rimpaginazione di un lungo topic del forum dedicato agli stili architettonici e il loro riconoscimento nei monumenti triestini.

Queste pagine web fanno uso dei cookies. Usando queste pagine tu accetti che alcuni cookies siano memorizzati sul tuo computer. Usando queste pagine, inoltre, tu accetti di aver letto e compreso le nostre regole sulla privacy. Se non condividi queste regole ti chiediamo di lasciare questa pagina. In questa pagina trovi maggiori informazioni sul nostro uso dei cookies e la nostra gestione della privacy.
monumenti/stilitrieste_rinascimento.txt · Ultima modifica: 21-03-2020 04:25 (modifica esterna)