Informazioni sulla privacy

Strumenti Utente

Strumenti Sito


storia_ts:documenti:placito



La ridistribuzione senza fini di lucro dei contenuti di questa pagina, anche se in forma parziale, deve citare il sito di provenienza www.atrieste.eu, i nomi degli autori, professori Fabio Francescato e Bruno Pizzamei, ed il fatto che si tratta della rielaborazione per il web di un ipertesto sviluppato dagli autori nel 1999 per conto del comune di Trieste e da questo distribuito gratuitamente nelle scuole. Non è ammessa la ridistribuzione con fini di lucro senza esplicita autorizzazione degli autori e dell'acquirente dell'opera.

Il placito del Risano

Testo latino Traduzione
In nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti, amen. Cum per iussionem piissimi atque excellentissimi domini Caroli Magni imperatoris et Pipini regis filii eius in Istria nos servi eorum directi fuissemus, idest Izzo presbiter atque Cadolao et Aio comites pro causis de rebus sanctarum Dei ecclesiarum et de iustitia dominorum nostrorum, seu et de violentia populi, pauperorum, orfanorum et viduarum, primis omnium venientibus nobis in territorio Caprense, loco qui dicitur Riziano, ibique adunatis venerabili viro Fortunato patriarcha, atque Theodoro, Leone, Stauratio, Stefano, Laurentio, episcopis et reliquis primatibus, vel populo provincie Istriensium, tunc elegimus de singulis civitatibus seu castellis homines capitaneos numero centum septuaginta et duos, fecimus eos iurare ad sancta quattuor Dei evangelia et pignora sanctorum, ut omnia, quicquid scirent, de quo nos eos interrogaverimus, dicant veritatem, in primis de rebus sanctarum Dei ecclesiarum, deinde de iustitia dominorum nostrorum, seu et de violentia vel consuetudine populi terre istius, orfanorum et viduarum, quod absque ullius hominis timore nobis dicerent veritatem. Et ipsi detulerunt nobis breves per singulas civitates vel castella, quos tempore Constantini seu Basilii magistri militum fecerunt, continentes quod a parte ecclesiarum non haberent adiutorium nec suas consuetudines. Fortunatus patriarcha dedit responsum dicens: “Ego nescio, si super me aliquid dicere vultis. Verumtamen vos scitis omnes consuetudines, quas a vestris partibus sancta Ecclesia mea ab antiquo tempore usque nunc dedit; vos michi eas perdonastis, propter quod ego, ubicumque potui, in vestro fui adiutorio, et nunc esse volo, et vos scitis quod multas dationes vel missos in servitium domini imperatoris propter vos direxi. Nunc autem qualiter vobis placet, ita fiat”.In nome del Padre, del Figliolo e dello Spirito Santo, Amen. Quando per ordine del piissimo ed eccellentissimo sovrano Carlomagno imperatore e del re Pippino, suo figlio, siamo stati invitati noi, loro servitori, cioè Izzone prete e Cadolao e Aione conti per le questioni riguardanti le sante chiese di Dio, i nostri sovrani e le violenze contro il popolo, i poveri, gli orfani e le vedove, siamo prima di tutto venuti nel distretto Capodistriano, nel luogo detto Risano, là, dopo aver congregato il venerabile patriarca Fortunato, i vescovi Teodoro, Leone, Staurazio, Stefano, Lorenzo, gli altri seniori ed il popolo della provincia degli Istriani, abbiamo allora eletto dalle singole città e castelli gli uomini capitani in numero di 172 e li abbiamo fatti giurare sui quattro evangeli di Dio e sulle reliquie dei santi di dirci la verità su tutto ciò che sanno delle cose che li interrogheremo, prima di tutto delle cose riguardanti le sante chiese di Dio, poi dei diritti dei nostri sovrani come pure delle violenze e consuetudini del popolo di questa terra, degli orfani e delle vedove. Essi devono dirci la verità senza timore di chicchessia. Ed essi ci portarono i documenti riguardanti le singole città e castelli, fatti dai magistri militi nel tempo del regno dell’imperatore Costantino, asserendo che da parte delle chiese non avevano né l’aiuto né i loro diritti consuetudinari. Il patriarca Fortunato rispose dicendo: “Non so se volete dire qualcosa contro di me. Però voi tutti sapete che i diritti consuetudinari, che nella vostra regione dava la mia santa chiesa dai tempi antichi fino adesso, voi mi avete liberato da essi perché io dovunque potevo, vi aiutavo e anche adesso lo voglio fare. Inoltre voi sapete che [per voi ho pagato] molti tributi e che per voi ho inviato messi al servizio dell’imperatore. Ma adesso sia come piace a voi”.
Omnis populus unanimiter dixerunt quod: “Antea tunc et nunc et plura tempora pro nostro largido, ita sit, quia multa bona a parte vestra habuimus et habere credimus, excepto, quando missi dominorum nostrorum venerint, antiqua consuetudine vestra familia faciat”. Tutto il popolo unanime replicò che sia in futuro come lo era nel passato e per molti anni per il nostro bene, perché avevamo da parte [vostra] molti benefici e speriamo di averne [in futuro] - eccetto quando arrivano i messi dei nostri sovrani, che la vostra famiglia si attenga all’antica consuetudine.
Tunc Fortunatus patriarcha dixit: “Rogo vos, filii, nobis dicite veritatem, qualem consuetudinem sancta Ecclesia mea metropolitana in territorium Istriense inter vos habuit”. Primus omnium primas Pollensis dixit: “Quando patriarcha in nostram civitatem veniebat, et, si oportunum erat, propter missos dominorum nostrorum aut aliquo placito cum magistro militum Grecorum habere, exiebat episcopus civitatis nostre cum sacerdotibus et clero vestiti planetas cum cruce, cereostados et incenso, psalendo, sicuti summo pontifici, et iudices una cum populo veniebant cum signa, et cum magno etiam recipiebant honore. Ingredientem autem ipsum pontificem in domum sancte Ecclesie nostre accipiebat statim ipse episcopus claves de sua domo et ponebat eas ad pedes patriarche. Ipse autem patriarcha dabat eas suo maiori et ipse iudicabat et disponebat usque in die tertia; quarta autem die ambulabat in suum rectorio”. Deinde interrogavimus iudices de alias civitates sive castella, si veritas fuisset ita. Omnes dixerunt: Sic est veritas, et sic adimplere cupimus. Nos vere amplius super patriarcha dicere non possumus. Peculia autem vestra domnica, ubicumque nostra pabulant, ibique et vestra paschant absque omni datione; volumus ut in antea ita permaneat. Nam vero super episcopos multa habemus quod dicere: I. capitulo: Ad missos imperii sive in quacumque datione aut collecta medietatem dabat Ecclesia, et medietatem populus. II. capitulo: Quando missi imperii veniebant, in episcopio habebant collocationem, et, dum interim reverti deberent ad suam dominationem, ibique habebant mansionem.Poi il patriarca Fortunato disse: “Vi prego, figlioli miei, dite la verità, quali Poi il patriarca Fortunato disse: “Vi prego, figlioli miei, dite la verità, quali diritti consuetudinari aveva la mia santa chiesa metropolitana nel distretto istriano tra di voi?” Primo di tutti, il seniero di Pola disse: “Quando il patriarca veniva nella nostra città - se era necessario a causa dei legati dei nostri sovrani o per qualche placito con il magister militum greco, il vescovo della nostra città usciva con i sacerdoti e con il clero, vestiti in pianete, con la croce, candelabri [con i ceri] ed incenso, salmodiando come al sommo pontefice, e i giudici col popolo venivano con vessilli e lo accoglievano con grande onore. Quando il pontefice entrava nel palazzo della nostra santa chiesa, il vescovo prendeva subito le chiavi del suo palazzo mettendole ai piedi del patriarca. Il patriarca da parte sua le dava al suo maggiordomo e giudicava e disponeva [del palazzo] per tre giorni; al quarto giorno passava nel proprio alloggio”. Quindi abbiamo interrogato i giudici delle altre città e castelli se questo fosse la verità. Tutti dissero che questo era la verità e che così vogliono sia da qui innanzi. Altro contro il patriarca non possiamo dire. Le vostre greggi dominicali possono pascolare dove le nostre senza alcuna tassa; vogliamo che permanga così anche in futuro. Ma contro i vescovi abbiamo molto da dire: I. Capitolo: Per i legati dell’impero e per qualunque [altro] contributo o colletta, metà dava sempre la chiesa, ed il popolo metà. II. Capitolo: Quando venivano i legati dell’impero, avevano alloggio nel vescovato e finché non dovevano ritornare al loro sovrano si trattenevano là.
III. capitulo: Quaecumque cartulae emphitheoseos, aut libellario iure, vel non dolosas commutationes numquam ab antiquum tempus corruptae fuerunt, ut ita nunc fiunt. IIII. capitulo: De herbatico vel glandatico nunquam aliquis vim tulit inter vicora, nisi secundum consuetudinem parentorum nostrorum. V. capitulo: De vineas nunquam in tertio ordine tulerunt, sicut nunc faciunt, nisi tantum quarto. VI. capitulo: Familia Ecclesie, nunquam scandala committere adversus liberum hominem, aut cedere cum fustibus, etiam nec sedere ante eos ausi fuerunt; nunc autem cum fustibus nos cedunt, et cum gladiis sequuntur nos. Nos vero propter timorem domini nostri non sumus ausi resistere, ne peiora acrescat. VII. capitulo: Quis terras Ecclesie fenerabat, usque ad tertiam reprhensionem nunquam eos foras eiiciebat. VIII. Capitulo: Mare vero publica, ubi omnis populus communiter piscabant, modo ausi non sumus piscari, quia cum fustibus non cedunt et retia nostra concidunt. VIIII. capitulo: Unde nos interrogastis de iustitiis dominorum nostrorum, quas Greci ad suas tenuerunt manus usque ab illo die quod ad manus dominorum nostrorum pervenimus, ut scimus, dicimus veritatem: de civitate Pollensi solidi mancosi sexaginta et sex; de Ruvingio solidi mancosi quadraginta, de Parentio mancosos sexaginta et sex; numerus Tergestinus mancosos sexaginta; de Albona mancosos triginta; de Pedena mancosos ..XX.; de Montanna mancosos triginta; de Pinguento mancosos ..XX.; cancellarius Civitatis Nove mancosos ..XII. Qui faciunt insimul mancosos .CCCXLIIII. Isti solidi tempore Grecorum in palatio eos portabat. Postquam Ioannes devenit, in ducatu, ad suum opus istos solidos habuit et non dixit quod iustitia pallatii fuisset. Item habet casale Orcionis cum olivetis multis; item portionem de casale Petriolo, cum vineis, terris et olivetis, item omnem portionem Ioanni Cancianico, cum terris, vineis, olivetis et casa cum torculis suis; item possessionem magnam de Arbe cum terris, vineis, olivetis et casa sua;III. Capitolo: Qualunque carta sulle enfiteusi o livello o permute non dolose [di terre] non furono mai dal tempo antico cambiate come lo sono oggi. IV. Capitolo: Nessuno usava violenza a causa del diritto sul fieno o sulle ghiande su terreni incolti, ma [si procedeva] secondo la consuetudine dei nostri genitori. V. Capitolo: Dalle vigne mai si prendeva il terzo, come lo fanno oggidì, ma solo il quarto. VI. Capitolo: I famigli della chiesa non commettevano degli eccessi contro un uomo libero o lo battevano con bastoni e non osavano neanche sedersi in sua presenza. Ora ci battono con i bastoni e ci perseguitano con le spade. Noi per timore del sovrano non osiamo resistere affinché non ci arrivi di peggio. VII. Capitolo: Chi teneva in affitto le terre delle chiese fino alla terza locazione, non veniva mai cacciato via. VIII. Capitolo: Nei mari pubblici, dove tutto il popolo pescava in comune, non osiamo addesso pescare, perché ci battono con i bastoni e tagliano le nostre reti. IX. Capitolo: Quanto a quello che ci domandate sui diritti dei nostri sovrani esercitati dai Greci fino a quel giorno quando siamo venuti in potere dei nostri sovrani, diremo la verità come sappiamo: dalla città Pola, monete d’oro 66; da Rovigno monete d’oro 40; da Parenzo monete d’oro 66; unità militare triestina [numerus Tergestinus] monete d’oro 60; da Albona monete d’oro 30; da Pedena monete d’oro 20; da Montona monete d’oro 30; da Pinguente monete d’oro 20; cancellario di Cittanova monete d’oro 12; in tutto fa monete d’oro 344.
Queste monete d’oro si consegnavano ai tempi dei Greci al fisco. Dopo che Giovanni assunse il ducato, adoperò queste monete d’oro per sé e non disse che si trattava dei diritti del fisco. Poi, egli possiede la villa Orcione con molti oliveti; e poi parte della villa Petriolo con vigne, terre ed oliveti; poi tutta la parte di Giovanni Cancianico con terre, vigne, oliveti e casa con frantoi; poi il possedimento grande di Arbe con terre, vigne, oliveti e casa;
item possessionem Stephani magistri militum; item casam Zerontiacam cum omni possessione sua; item possessionem Mauricii ypati seu Basilii magistri militum, instar et de Theodoro ypato; item possessionem quam tenet in Priatello, cum terris, vineis et olivetis et plura alia loca. In Nova Civitate habet fischo publico, ubi commanet intus et foras civitate, amplius quam duos centum colonos; per bonum tempus reddunt oleo amplius quam centum modia, vino magis quam amphoras duocentum, alnona seu castaneas sufficienter. Piscationes vero habet, unde illi veniunt per annum amplius quam quinquaginta solidi mancosi absque sua mensa ad satietatem. Omnia ista dux ad suam tenet manum, exceptis illis .CCCXLIIII. solidis, sicut supra scriptum est, quod in pallatio debent ambulare. De forcia unde nos interrogastis, quam Ioannes dux nobis fecit, quod scimus, dicimus veritatem. I. capitulo: Tulit nostras silvas, unde nostri parentes herbatico et glandatico tollebant. Item tulit nobis casale inferiore, unde parentes nostri, ut super diximus, similiter tollebant. Modo contradicit nobis Ioannes. Insuper sclavos super terras nostras posuit: ipsi arant nostras terras et nostras runcoras, segant nostras pradas, pascunt nostra pascua, et de ipsas nostras terras reddunt pensionem Ioanni. Insuper non remanent nobis boves, neque caballi. Si aliquid dicimus, interimere nos dicunt. Abstulit nostros confines quos nostri parentes secundum antiquam consuetudinem ordinabant. II. kapitulo: Ab antiquo tempore, dum fuimus sub potestate Grecorum Imperii, habuerunt parentes nostri consuetudinem habendi actus tribunati, domesticos, seu vicarios, nec non locoservator, et per ipsos honores ambulabant ad communione et sedebant in consessu, unusquisque per suum honorem, et, qui volebant meliorem honorem habere, de tribuno ambulabat ad Imperium, qui ordinabat illum ypato. Tunc ille, qui imperialis erat hypatus, in omni loco secundum illum magistrum militum procedebat.poi il possedimento di Stefano magister militum; poi la casa Serontiaca con tutti i suoi possedimenti; poi il possedimento di Maurizio console e Basilio magister militum, come pure di Teodoro console; poi il possedimento che tiene a Priatello con terre, vigne ed oliveti e molti altri luoghi. In Cittanova egli gode il patrimonio pubblico, dove abita [ci sono] dentro e fuori la città più di duecento coloni, che in buona stagione rende più di cento moggi di olio, più di duecento anfore di vino e grano e castagne a sufficienza. Ha i diritti sulla pesca da dove gli proviene annualmente più di cinquanta monete d’oro ed inoltre per il suo desco a sazietà. Tutto questo tiene il duca eccettuato quelle 344 monete d’oro soprascritte, che devono andare al palazzo imperiale. Quanto alle violenze fatte dal duca Giovanni contro di noi delle quali ci interrogate, diremo la verità e quanto sappiamo. I. Capitolo: Ci tolse i nostri boschi, da dove i nostri genitori raccoglievano i diritti sul fieno e sulla ghianda; ci tolse pure le fattorie isolate da dove i nostri genitori, come dicemmo sopra, similmente raccoglievano. Ora Giovanni ce lo nega; inoltre pose gli Slavi sulle nostre terre; loro arano le nostre terre e i nostri terreni incolti, falciano i nostri prati, pascolano [i loro animali] sui nostri pascoli e per queste nostre terre pagano l’affitto a Giovanni; inoltre non ci rimangono né bovini né cavalli, se diciamo qualcosa dicono di ucciderci; tolse i nostri confini che i nostri genitori posero secondo l’antica consuetudine. II. capitolo: Da tempo, antico quando eravamo sotto il potere dell’impero greco, avevano i nostri genitori il diritto al tribunato, a [diventare] domestici e vicari come pure luogotenenti e in base a queste cariche partecipavano al consiglio [provinciale] e sedevano durante la sessione ognuno secondo il proprio rango e chi voleva onori maggiori del tribuno si recava dall’imperatore che lo nominava console, e chi era console imperiale, in tutte le occasioni occupava il posto subito dopo il magister militum.
Modo autem dux noster Ioannes constituit nobis centarchos; divisit populum inter filios et filias vel generum suum, et cum ipsos pauperes aedificant sibi pallatia. Tribunatus nobis abstulit. Liberos homines non nos habere permittit, sed tantum cum nostros servos facit nos in hoste ambulare; libertos nostros abstulit; advenas homines ponit in casas vel ortora nostra, nec in ipsos potestatem habemus. Grecorum tempore omnis tribunus habebat escusatos quinque et amplius, et ipsos nobis abstulit. Fodro numquam dedimus; in curte numquam laboravimus; vineas numquam laboravimus; calcarias numquam fecimus; casas numquam aedificavimus; tegorias numquam fecimus; canes numquam pavimus; collectas numquam fecimus, sicut nunc facimus; pro unoquoque bove unum modium damus; collectas de ovibus numquam fecimus, quomodo nunc facimus; unoquoque anno damus pecora et agnos; ambulamus navigio in Venetias, Ravennam, Dalmatiam, et per flumina, quod numquam fecimus; non solum Ioanni hoc facimus, sed etiam ad filios et filias seu generum suum. Quando ille venerit in servitium domini imperatoris ambulare aut suos dirigere homines, tollet nostros caballos, et nostros filios cum forcia secum ducit, et facit eos sibi thraere saumas, ire chirca procul fere triginta et amplius milia, tollit omnia eis quitquit habent, solum ipsa persona ad pede remeare facit in propria. Nostros autem caballos aut in Francia eos dimittit, aut per suos homines illos donat. Dicit in populo: “Colligamus exenia ad dominum imperatorem, sicut tempore Grecorum faciebamus, et veniat missus de populo una mecum, et offerat ipsos exenios ad dominum imperatorem”. Nos vero cum magno gaudio collegimus. Quandoque venit ad ambulare, dicit: “Non vobis oportet venire; ego ero pro vobis intercessor ad dominum imperatorem”. Ille autem cum nostris donis vadit ad dominum imperatorem, placitat sibi vel filiis suis honorem, et nos sumus in grandi oppressione et dolore. Adesso il duca nostro Giovanni ha istituito sopra di noi dei centarchi, dividendo il popolo tra i suoi figli e figlie e genero e questa povera gente gli edifica i palazzi. Ci ha tolto il tribunato, non ci permette di avere uomini liberi e ci lascia andare contro il nemico coi soli nostri servi; ci tolse i nostri liberti; non abbiamo più potere nemmeno sugli stranieri che collochiamo nelle nostre case e terre adiacenti. Ai tempi dei Greci ogni tribuno aveva cinque [coloni] esenti e più, ed anche questi ci ha tolti. Mai abbiamo dato foraggio, nelle ville mai lavorato, mai coltivato le vigne [altrui], mai fatto le calcine, mai fabbricato le case, mai abbiamo lavorato nei mattonai, mai nutrito i cani, mai fatto le collette come adesso facciamo; per ogni manzo dobbiamo dare un moggio, collette di pecore mai abbiamo fatto come lo facciamo oggi: ogni anno dobbiamo dare pecore ed agnelli. Con le navi dobbiamo andare a Venezia, Ravenna, in Dalmazia e per i fiumi, che mai abbiamo fatto, e dobbiamo farlo non solo per Giovanni, ma anche per i suoi figli, figlie e genero. Quando gli tocca andare per servizio dell’imperatore ovvero inviare i suoi uomini, prende i nostri cavalli e con violenza conduce con sé i nostri figli e fa loro trascinare carichi per trenta miglia e più [e poi] prende a loro tutto quello che hanno e li fa ritornare a casa a piedi e i nostri cavalli manda in Francia o li regala alla propria gente.
Dice al popolo: “Raccogliamo i doni all’imperatore, come abbiamo fatto al tempo dei Greci e venga un deputato del popolo insieme a me e presenti i doni all’imperatore”. Noi raccogliamo con grande gioia e quando si trattò di andare, egli disse: “Non occorre che voi veniate, io sarò il vostro intercessore presso l’imperatore”; con i nostri doni va poi dall’imperatore e procura per sé e per i suoi figli onore e noi rimaniamo in grande oppressione e dolore.
Tempore Grecorum colligebamus semel in anno, si necesse erat, propter missos imperiales de centum capita ovium, qui habebat, unum. Modo autem, qui ultra tres habet, unum exinde tollit, et nescimus intueri, per annum; sui actores exinde prendunt. Ista omnia ad suum opus habet dux noster Ioannes, quod nunquam habuit magister militum Grecorum, sed semper ille tribunus dispensabat ad missos imperiales et ad legatarios euntes et redeuntes. Et istas collectas facimus, et omni anno vollendo nollendo quotidue collectas facimus. Per tres vero annos illas decimas, quas ad sanctam Ecclesiam dare debuimus, ad paganos sclavos dedimus, quando eos super ecclesiarum et populares terras nostras misit in sua peccata et nostra perditione. Omnes istas angarias et superpostas quae predicte sunt violenter facimus, quod parentes nostri numquam fecerunt; unde omnes devenimus in paupertatem, et derident nostros parentes et convicini nostri Venetias et Dalmatias, etiam Greci, sub cuius antea fuimus potestate. Si nobis succurrit domnus Carolus imperator, possumus evadere: “sin autem, melius est nobis mori, quam vivere”. Tunc Ioannes dux dixit: “Istas silvas et pascua, quae vos dicitis, ego credidi quod a parte domni imperatoris in publico esse debeant: nunc autem, si vos iurati hoc dicitis, ego vobis [non] contradicam”. De collectis ovium in antea non faciam, nisi ut antea vestra fuit consuetudo. Similiter et de exenio domni imperatoris. De opere vel navigatione seu pluribus angariis, si vobis durum videtur, non amplius fiat. Libertos vestros reddam vobis secundum legem parentorum vestrorum; liberos homines habere vos permittam, ut vestram habeant commendationem, sicut in omnem potestatem domini nostri faciunt. Advenas homines, qui in vestrum resident, in vestra sint potestate. De sclavis autem, unde dicitis, accedamus super ipsas terras, ubi resedunt, et videamus; ubi sine vestra damnietate valeant residere, resideant; ubi vero vobis aliquam damnietatem faciunt sive de agris, sive de silvis, vel roncora, aut ubicumque, nos eos eiciamus foras.Al tempo dei Greci raccoglievamo una volta all’anno, se era necessario, per i legati imperiali di ogni cento pecore da chi ne aveva, una; a chi oggi non ha che tre, si prende una e non possiamo nemmeno lamentarci: ogni anno i suoi amministratori le prendono. Tutto questo ha nelle sue mani il duca Giovanni, cosa che mai aveva il magister militum greco, poiché sempre un tribuno aveva cura dei messi imperiali e dei legati all’andata e al ritorno. E facciamo queste collette ogni anno e le facciamo quotidianamente volenti o nolenti. Per tre anni, quelle decime che dovevamo dare alla santa chiesa abbiamo dato agli Slavi pagani, quando li insediò sopra le terre della chiesa e del popolo in suo peccato e nostra perdizione. Tutte queste angarie e sovrangarie suddette facciamo per violenza il che i nostri genitori mai facevano; perciò siamo caduti in povertà e ci deridono i nostri parenti e vicini nostri a Venezia e Dalmazia come pure i Greci, sotto il potere dei quali eravamo prima. Se ci soccorre l’imperatore Carlo possiamo salvarci, “se no, è meglio per noi morire che vivere”.
Allora il duca Giovanni disse: “Quei boschi e pascoli dei quali parlate, io credevo che da parte dell’imperatore dovevano appartenere al fisco; adesso, se voi lo dite sotto giuramento, io [non] mi opporrò; le collette di pecore non si faranno di più se non di quanto era in uso anticamente; similmente anche dei doni dell’imperatore; quanto ai lavori o alla navigazione ed altre angherie, se questo vi pare gravoso, che non siano più. Vi restituisco i vostri liberti secondo la legge dei vostri genitori; vi concedo di avere uomini liberi in vostro potere, così come fanno tutti coloro che sono sotto i nostri sovrani.
Gli stranieri, che risiedono sulle vostre terre, siano in vostro potere. Quanto agli Slavi di cui parlate, andiamo sulle terre ove risiedono e vediamo: se possono risiedere senza danno per voi, che vi risiedano, là dove a voi fanno qualche danno, nei campi o boschi o terreni incolti o dove che sia, noi li butteremo fuori.
Si vobis placet, ut eos mittamus in talia deserta loca, ubi sine vestro damno valeant commanere, faciant utilitatem in publico, sicut et ceteros populos”. Tunc previdimus nos missi domni imperatoris, ut Ioannes dux dedisset vadia, ut omnia prelata superposta, glandatico, herbatico, operas et collectiones, de sclavis et de angarias, vel navigationes emendandum. Et ipsas vadias receperunt Damianus, Honoratus et Gregorius. Sed et ipse populus ipsas concessit calumnias in tali vero tenore, ut amplius talia non perpetrasset. Et si amplius istas oppressiones ille aut sui heredes vel auctores fecerint, nostra statuta componant.Se piace a voi che li mandiamo in tali luoghi dove possono stare senza danno per voi, che siano utili al fisco come anche l’altra gente”. Abbiamo quindi provveduto noi legati dell’imperatore che il duca Giovanni desse garanzia che riparerà tutto il suddetto [concernente] le sovrangarie il diritto sulle ghiande e sul fieno, i lavori e le collette, gli Slavi, le angarie, e la navigazione. E le garanzie furono ricevute da Damiano, Onorato e Gregorio. Anche lo stesso popolo ritrasse le incriminazioni a condizione che simili cose non avvengano più. E facessero ancora queste oppressioni egli, i suoi eredi o amministratori, che paghino quanto abbiamo statuito.
De aliis vero causis stetit inter Fortunatum, venerabilem patriarcham, seu suprascriptos episcopos, sive Ioannem ducem, vel reliquos primates et populum, ut, quicquid iurati recordarent et dicerent secundum suum sacramentum et ipsas breves, omnia adimplerent, et qui adimplere nolluerint de illorum parte componat coactus in sacro pallatio auro mancosos L novem. Haec diiudicatus et convenientia facta est in presentia missi domini imperatoris Izone presbitero, Cadolao et Aioni, et propriis manibus subscripserunt in nostra presentia:Delle altre questioni fu poi convenuto tra Fortunato, venerabile patriarca, i soprascritti vescovi, il duca Giovanni, altri seniori ed il popolo, che si deve adempiere tutto quello che ricorderanno con giuramento e diranno secondo il loro giuramento ed [inoltre quello che è scritto] nei documenti, e chi non vuol adempiere deve pagare coatto nel palazzo imperiale 9 libbre in monete d’oro. Questa sentenza e compromesso sono stati fatti in presenza dei legati dell’imperatore Izone prete, Cadolao ed Aione e [lo] sottoscrissero di propria mano alla nostra presenza:
Fortunatus misericordia Dei patriarcha in hac repromissionis cartula a me facta manu mea subscripsi.Fortunato, per indulgenza di Dio patriarca, in questa carta di promessa da me fatta, sottoscrissi con mia mano.
+ Ioannes dux in hac repromissionis cartula manu mea subscripsi.
+ Stauratius episcopus in hac repromissionis cartula manu mea subscripsi.+ Staurazio vescovo in questa carta di promessa sottoscrissi con mia mano.
+ Teodorus episcopus subscripsi.+ Teodoro vescovo sottoscrissi.
+ Stefanus episcopus subscripsi.+ Stefano vescovo sottoscrissi.
+ Leo episcopus subscripsi.+ Leo vescovo sottoscrissi.
+ Laurentius episcopus subscripsi.+ Lorenzo vescovo sottoscrissi.
(S) Petrus peccator, diaconus sancte Aquileiensis metropolitane Ecclesie, hanc repromissionem ex iussione domini mei Fortunati sanctissimi patriarche, seu Ioannis gloriosi ducis, vel suprascriptorum episcoporum et primatum populi Istrie provincie scripsi et post roborationem testium cartulam roboravi.Io, Pietro, peccatore, diacono della santa chiesa metropolitana aquileiese ho scritto questa carta di promessa per ordine del mio signore Fortunato, santissimo patriarca, del duca Giovanni, dei sopraddetti vescovi, seniori, e del popolo della provincia istriana e dopo la corroborazione dei testimoni ho roborato la carta.

Collegamenti ad altre pagine

Queste pagine web fanno uso dei cookies. Usando queste pagine tu accetti che alcuni cookies siano memorizzati sul tuo computer. Usando queste pagine, inoltre, tu accetti di aver letto e compreso le nostre regole sulla privacy. Se non condividi queste regole ti chiediamo di lasciare questa pagina. In questa pagina trovi maggiori informazioni sul nostro uso dei cookies e la nostra gestione della privacy.
storia_ts/documenti/placito.txt · Ultima modifica: 21-03-2020 04:35 (modifica esterna)