Informazioni sulla privacy

Strumenti Utente

Strumenti Sito


monumenti:stilitrieste_dorico

Gli stili architettonici e Trieste

Tutte e immagini possono essere ingrandite facendo clic su di esse con il pulsante sinistro del mouse.

Dorico, ionico, corinzio

Gli edifici greci (e romani) che sono maggiormente conservati sono i templi, per loro non luogo di riunione come le chiese cristiane, ma luogo di dimora del dio, o meglio della sua statua. Il tempio, forse in origine di legno, verrà ricostruito in pietra e, almeno nella facciata, i tronchi d'albero presumibilmente hanno dato luogo alle colonne. E di colonne (e lesene o paraste, cioè rilievi sulle facciate simili a colonne) ne troviamo a Trieste in quantità. I Greci non conoscevano l'uso di arco, volta e cupola, ma avevano le colonne che sostenevano un architrave: la parte che univa la colonna con l'architrave era ed è tuttora il capitello, precisiamo che il capitello a sua volta sosteneva un altra pietra l'abaco, e dallo stile dei capitelli si passa a generalizzare lo stile della decorazione.

Le colonne greche erano quasi sempre scanalate per dare una sensazione di maggior slancio (come le signore che mettono i vestiti a righe verticali per dimagrire) ed erano costituite da diversi pezzi sovrapposti.

I romani, e prima di loro gli etruschi, costruirono templi abbastanza simili, solo che preferirono colonne lisce, spesso monolitiche, e aggiunsero archi e cupole.

Le classificazioni degli stili architettonici son antiche, e risalgono già all'architetto e scrittore romano Vitruvio. altro autore di architettura classica è Leon Battista Alberti, rinascimentale.

Poiché non c'erano archi e cupole, il tetto dei templi greci era a spiovente, a due falde, e la parte triangolare sulla facciata era il frontone, dove si trovavano spesso decorazioni importanti. Fra architrave e tetto, passava una striscia spesso decorata a bassorilievi.

Lo stile più antico era lo stile detto dorico: eccovi un esempio di foto di tempio dorico greco, è il tempio di Apollo a Corinto

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_corinto.jpg

Le colonne poggiano direttamente sulla base di pietra, il capitello dorico è un tronco di cono rovesciato rigonfio (più rigonfio è e più arcaico) come se si piegasse sotto so sforzo di sostenere il tetto. l'abaco è un parallelepipedo.

Simile, più completo e più tardo il tesoro degli Ateniesi a Delfi.

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_tesoroateniesi.jpg

e simile sarà il Partenone…

i Romani riprenderanno lo stile, ma con colonne lisce e sarà detto (già da Vitruvio) tuscanico. E per confronto, guardatevi la Chiesa anglicana di via san Michele.

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_anglican1.jpg www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_anglicasn2.jpg

La decorazione dorica della trabeazione prevede dei bassorilievi (metope) alternati a tre righe verticali, i triglifi; guardare questa decorazione dietro il Municipio

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_bucrani.jpg

Le immagini, fra i tre listelli, fanno riferimento ad una decorazione romana, ossa di teste di animali, dette perciò bucrani (crani di bove). ovviamente la nostra decorazione è neoclassica. Anche il vecchio ricreatorio Giglio Padovan in via Settefontane fa riferimento al tuscanico:

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_ricreatorio.jpg

e sempre del medesimo stile, i vecchi ingressi del cimitero e la vecchia cappella del Cimitero

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_4047cimitero.jpg www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_img_4048cappcim.jpg

Lo stile ionico greco cambia il capitello, che avrà le sue volute attorcigliate, e le colonne hanno una scanalatura diversa (vedere Atena Nike ad Atene, sull'Acropoli notare il fregio continuo, a differenza delle metope e triglifi del dorico).

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_atenanikepart.jpg www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_atenanike.jpg

Colonne ioniche, a Trieste non ne mancano, anche se in genere il neoclassico si rifarà alla versione liscia e non scanalata:

i capitelli di S Antonio nuovo e palazzo Carciotti
www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_ionicosanton.jpg www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_carciotti.jpg

e anche le colonne del tribunale
www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_tribunal.jpg

lo stile ionico sarà amatissimo nel neoclassico triestino e troveremo varianti tarde sul capitello ionico, come questo, sul palazzo del Monte di pietà: siamo già nel Novecento, con l'inserimento dell'alabarda!
www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_ionicoalabarda.jpg

o addirittura di questa rielaborazione del capitello ionico nel palazzo Secession della banca cecoslovacca.
www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_ionicosecession.jpg

Templi greci particolari, sull'Acropoli, sono il Partenone e l'Eretteo, costruiti entrambi dopo le guerre persiane, ai tempi del periodo del massimo splendore ateniese: il Partenone è principalmente di stile dorico, ma inserisce all'interno un fregio continuo di stile ionico (che si trova soprattutto nei musei europei), mentre l'Eretteo, con un porticato ionico a sinistra nella foto, inserisce a destra la famosa loggetta delle Cariatidi, fanciulle di Caria, usate come colonne.
www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_partenon.jpg www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_image8_2.jpg www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_eretteo62.jpg

Dalle Cariatidi verrà l'uso di chiamare cariatidi le statue femminili che sostengono un portico o una trabeazione come quelle del'ex Armonia (ognuno ha le cariatidi che può, a casa sua…).
www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_cariatidinoghere.jpg

Gli uomini che sostengono la trabeazione sono detti Atlanti (dal mitico gigante che sosteneva il mondo o Telamoni (come Telamone padre di Aiace amico di Ercole, nome che significa pure ciò o colui che sostiene): ce ne sono di bellissimi al Teatro Verdi, telamoni al piepiano e cariatidi al prim'ordine. Eccone alcuni : Palazzo Modello (ma ce ne sono anche di belli in alto del Viale)

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_telamoni1.jpg www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_telamoni2.jpg

il terzo stile greco è quello corinzio, il più tardo ed il più amato dai Romani, nonché dal rinascimento italiano: il capitello rappresenta foglie di acanto, se l'acanthus mollis o quello spinosus non sono certa, eccovi l'acanto in Giardin Pubblico

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_acanthus.jpg

un tempio corinzio ad Atene, il mai finito tempio di Zeus

Abbiamo anche noi dei capitelli corinzi originali romani, e sono quelli inseriti nel Campanile di san Giusto

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_corinziosangiu.jpg

il capitello corinzio si conclude spesso con una piccola voluta simile a quella dello ionico ed è detto composito allora

capitelli corinzi riciclati se ne trovano nella basilica di Aquileia

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_corinzioaquileia.jpg

Il capitello dell'arco di Riccardo, romano, è un capitello già misto romano, che oltre alle foglie d'acanto inserisce un festoncino.

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_riccardo2.jpg www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_capitelloriccardo.jpg

I templi greci, alle estremità del tetto, avevano delle decorazioni dette acroteri, e ne vediamo di simili alla Stazione ferroviaria (la palmetta in cima al frontoncino laterale)

www.atrieste.eu_foto_a002_stilitrieste_stazion10192macroteri.jpg

e non dimentichiamo il frontone, o timpano, che, attraverso i palazzi rinascimentali, verrà messo sopra le finestre, e che troviamo nella maggior parte delle finestre ottocentesche triestine


Collegamenti ad altre pagine


Nota

Il testo è la trascrizione e rimpaginazione di un lungo topic del forum dedicato agli stili architettonici e il loro riconoscimento nei monumenti triestini.

Queste pagine web fanno uso dei cookies. Usando queste pagine tu accetti che alcuni cookies siano memorizzati sul tuo computer. Usando queste pagine, inoltre, tu accetti di aver letto e compreso le nostre regole sulla privacy. Se non condividi queste regole ti chiediamo di lasciare questa pagina. In questa pagina trovi maggiori informazioni sul nostro uso dei cookies e la nostra gestione della privacy.
monumenti/stilitrieste_dorico.txt · Ultima modifica: 21-03-2020 04:25 (modifica esterna)