Informazioni sulla privacy

Strumenti Utente

Strumenti Sito


ricette:xdolci

\1 Ricette non triestine apparse sul forum \/1

  • Eventuali immagini possono essere, eventualmente, ingrandite, facendoci clic sopra.
  • Le eventuali bandierine indicano la lingua in cui sono descritte le ricette, non la loro provenienza

\2 Collegamenti ad altre pagine \/2

Dolci

Pasta di mandorle

ingredienti per 500 gr

  • mandorle pelate 200 gr
  • zuchero 250 gr
  • glucosio 25 gr (o mezo cuciar de asedo)

Pestare le mandorle finché non diventano una poltiglia in un mortaio in alternativa avvolgerle in un telo e pestarle con un batticarne. Versare in una casseruola lo zucchero 1/4 di bicchiere d'acqua e il glucosio. Mettere il recipiente a fiamma bassa e far fondere lo zucchero mescolando continuamente finché il sciroppo non fila (basta provarlo con dita bagnate). Mettere le mandorle in un recipiente capace e versarvi sopra lo sciroppo mescolando finché non si sara formata una pasta granulosa. Quando sarà fredda lavorarla con le mani finché non sarà senza grumi e poi riunirla in un unico panetto.

Torta de pomi


160 gr. de butiro
160 gr. de zuchero
6 rossi de ovo+ 1 ovo intiero (opur la variante: 4 ovi intieri)
~280 gr. de farina
~125 ml. de late per render quasi liquido l'impasto
1 cuciarin abondante de canela
1 bustina de lievito istantaneo (con quel bira no me vien ben 'sta riceta)
~1 kg. de pomi (indiferente el tipo…basta che no sia verdi!)

Nel robot de cusina meto el buro squaia', el zuchero, missio e dopo zonto i ovi, la farina, el late, la canela missio e in ultimo zonto el lievito.
Prima gavevo za spela' i pomi, divisi in quarti e fati a tochetini.
Gavevo anche preriscalda' el forno eletrico a 180 gradi.
Meto un poco de impasto nel stampo za imbura' e infarina', dopo meto tuti i pomi e in ultimo coverzo col restante impasto.
Cusino per 50 minuti.


160 gr. di burro
160 gr. di zucchero
6 tuorli e 1 uovo intero (oppure la variante: 4 uova intere)
~280 gr. di farina
~125 ml. di latte per render quasi liquido l'impasto
1 cucchiaino abondante di cannella
1 bustina di lievito istantaneo (quello di birra non va bene)
~1 kg. de pomi (non importa di che tipo tipo…basta che no siano acerbi!)

Nel robot metto il burro fuso, lo zucchero, mescolo e poi aggiungo le uova, la farina il latte, la cannella e da ultimo il lievito.
Prima avevo già pelato le mele, divise in quarti e fatte a pezzetti.
Gavevo anche preriscalda' el forno eletrico a 180 gradi.
Metto un po' di impasto nello stampo già imburrato ed infarinato, dopo metto tutte le mele eda ulti in ultimo coverzo col restante impasto.
Cucino per 50 minuti.

Melomakaròna;: dolceti natalizi al miele greghi

(Melomakàrona: dolcetti natlizi greci al miele) e le misure vanno tutte a tazze…


2 tazze olio d'oliva
3/4 tazza zucchero
1/4 tazza succo arance
1/4 tazza cognac
7-8 tazze farina setacciata
2 cucchiaini lievito artificiale in polvere
1 cucchiaino bicarbonato sodio

Per far el sciropo de miele:
2 tazze miele
2 tazze zucchero
2 tazze acqua

  1. sbater insieme i prima 4 ingredienti
  2. setaciar insieme farina, lievito e bicarbonato
  3. meter insieme 1) e 2) e impastar lentamente
  4. cior dei tochi de pasta grandi come un ovo e far dele crocchette alungade (dovesi vignir fora circa 40 de queste)
  5. meterle sora una lastra non imburada e cusinarle in forno a temperatura moderata per meza ora
  6. Boir miel, zuchero e acqua per 5 minuti
  7. versar sto sciropo sule crochete cusinade e lasar là che asorbi per circa un quarto de ora
  8. Cior fora ste crochete (go za dito che se ciama Melomakárona) dal sciropo e servirle con arte, dopo averghe meso de sora noci taiade e cannella quanto volè.


2 tazze olio d'oliva
3/4 tazza zucchero
1/4 tazza succo arance
1/4 tazza cognac
7-8 tazze farina setacciata
2 cucchiaini lievito artificiale in polvere
1 cucchiaino bicarbonato sodio

Per lo sciropo di miele:
2 tazze miele
2 tazze zucchero
2 tazze acqua

  1. battere assieme i primi 4 ingredienti
  2. setacciare insieme farina, lievito e bicarbonato
  3. metter assieme 1) e 2) e impastare lentamente
  4. prendere pezzi di pasta grandi come un uovo e fare delle crocchette allungate (dovrebbero venir fuori circa 40 pezzi)
  5. metterle sora una lastra non imburrata e cucinarle in forno a temperatura moderata per mezzora
  6. Boir miel, zuchero e acqua per 5 minuti
  7. versar sto sciropo sule crochete cusinade e lasar là che asorbi per circa un quarto de ora
  8. Prenderebfuori le crocchette (ho già detto che si chiamano Melomakárona) dal sciropo e servirle con arte, dopo aver messo sopra noci tagliate e cannella a piacere.

Puré de pomi


in questo caso, xe un condimento tradizional per el arosto de porco qua in Inghiltera. A mi no me piasi ma xe assai facile de farlo. Se cusina i pomi, speladi, a tochetini e senza el cuor, per 15 minuti in un poco de acqua con el succo de 1/2 limon e un poco de suchero. Quando teneri se fa un puré con el frulador e se ghe meti un tochetin de buro. Se servi tiepido.


In questo caso, è un condimento tradizionale per l'arosto di maiale qua in Inghilterra. A me non piace ma è assai facile da fare. Si cucinano le mele, pelate, a pezzetti e senza torsolo, per 15 minuti in un poco d'acqua con il succo di 1/2 limone e un poco di zucchero. Quando sono tenere se fa un puré col frulatore e si aggiunge un poco burro. Si serve tiepido.

Gocciole( biscotti)

Ingredienti: 500 gr di farina 200 gr zucchero 2 uova 180 gr burro 100 gr gocce cioccolato 1 bustina di vanillina 1 pizzico di sale 1/2 cucchiaino da thè di bicarbonato

Preparazione: mescolare tutti gli ingredienti col mixer escluse le gocce di cioccolato. Lavorare 1 minuto e poi aggiungere le gocce. Formare delle palline grandi come noci e schiacciarle un po'. Mettere su carta forno e infornare a 180° per circa 10 - 15 minuti.

Chifeli greghi/Vanillekipfel

(cornetti greci)


La mia rizeta xe cussì, trascrita come che la iera su un foglietto de nona:
15 deca burro
¼ farina
10 deca zucchero
7 deca mandorle macinate
( missiar el tuto, far i chifeli, cusinarli in forno e spolverar de zuchero a velo) nb le mandorle mi le spello dandoghe una boida in aqua calda


La mia ricetta è così, trascritta com'era su un foglietto di mia nonna:
150 grammi di burro
250 grammi di farina
100 grammi di zucchero
70 grammi di mandorle macinate
(mescolare il tutto, fare i cornetti, cucinarli in forno e spolverare di zucchero a velo). Le mandorle si pelano dando loro una bollita in acqua calda

Altre dosi

Curambiei ½ Kg farina,1/4 burro cotto e 19 deca zucchero

Lunette greche ( Curabiei) ( Dalia) 25 deca farina. 15 deca burro, 5 deca zucchero. Impastare e formare delle lunette, arrostire al forno e ancora calde passarle nello zucchero

Ciambella all'arancia

un dolce di buon augurio!

230 g farina 00
3 uova
130 g zucchero
80 g olio d'oliva ex. ver.
80 g succo di un'arancia e mezzo
1 bustina scarsa di lievito per dolci
un pizzico di oce moscata + buccia grattugiata d'arancia
150 g zucchero a velo + 2 cucchiai acqua bollente + succo d'arancia

Usare le fruste elettriche!

In una ciotola antiscivolo montare bene le uova intere e lo zucchero, poi mescolarvi a goccia l'olio, setacciare la farina con il lievito e aggiungerla a cucchiaiate nella ciotola alternando, quando è ben assorbita, con il succo d'arancia, + la noce moscata e la buccia grattugiata. Deve essere come una crema. Imburrare bene uno stampo apribile da ciambella con fondo in rilievo, setacciarvi un po' di farina e distribuirla bene su fondo e pareti! Versare la crema e cuocere in forno a 170° per 25-30 minuti!

Togliere dallo stampo e farla raffreddare su una grata. Intridere lo zucchero a velo con l'acqua bollente, indi versare tanto succo d'arancia, fino ad avere un crema scorrevole. Con attenzione farla colare col cucchiaio sulla ciambella rovesciata, lentamente per non farla scorrere troppo ai lati, e che si apprenda meglio.

Baci di cocco

(Kokosbusserln)
3 albumi
2 etti di fiocchi di cocco
2 etti di zucchero a velo
succo di un limone

Si battano gli albumi (sopra una pentola con vapore) insieme con lo zucchero fino a quando si può “scrivere” nella massa. Poi si leva del vapore e continua battere finché è raffredato. Mentre si batte si aggiungono i fiocchi del cocco ed il limone.

Si forma con due cucchiaini i baci e si mette sulla carta per il forno. A 170 gradi si sforna fin che sono poco abbronzati.

I fichi sciroppati " dei Njegos"

Li chiamo così, perchè ce ne hanno fatto assaggiare di squisiti in Montenegro, nella regione fra le Bocche di Cattaro e Cettigne, la patria della famiglia reale del Montenegro, i Njegos: una zona bucolica e sassosa.. bene, vi procurate bei fichi, meglio se piccoli, e li pelate mettendoli per un po' a bagno in acqua e bicarbonato ( che serve a indurirli un po' evitando che si disfino dopo).

Nel frattempo fate bollire una decina di minuti (a occhio..) acqua e zucchero: per mezzo chilo di fichi, mezzo chilo di zucchero (siì, le calorie fanno paura!) poi si mettono nello sciroppo con rondelle di limone e si lasciano sobbollire e assorbire il liquido

Stavolta hanno aggiunto pure alcune foglie di geranio aromatico.. Una volta assorbito il liquido, si conservano in vasetti di vetro. Da me non durano a lungo..

Moka Parfait

Questo è il mio dessert preferito, assieme ala crema catalana. No so niente delle origini. So come si fa e è buono e semplice.

Ingredienti (x 4- 5 muletti):

3tuorli, 100 gr zucchero, 250 gr panna, mezza tazzina di caffe ristretto.

Procedimento :

sbattere i tuorli con lo zucchero ,aggiungere il caffè e la panna montata. Amalgamare lentamente il tutto, metterlo in coppette e metterlo in frigo almeno 3 ore .

Ricetta di biscoti tipo canestrei

Care coghe e coghi triestini e no, ve propongo una riceta de sti biscoti che i vien assai ben, ma ocori rispetar le dosi:

Ingredienti per 45 biscotti circa

Per l'impasto: 125 gr. farina bianca - 100 gr. fecola - 20 gr. cacao amaro - 70 gr. zuchero al velo - 2 tuorli de ovo duro -150 gr. burro - 1/2 fialeta aroma vaniglia - 1/2 bustina lievito in polvere. Per decorar: 2 albumi de ovo - zuchero al velo. Far la fontana con farina e fecola setacciata, nella buchetta cacao, zucchero al velo, tuorli passati al setaccio, burro, aroma e in ultimo lievito in polvere anche lui setacciato.
Incorporare tutto, impastare rapidamente fino ad ottenere un impasto liscio. Stendere una sfoglia alta circa 1 cm. e ritgliare i biscotti in forme piccole perché crescono in cottura. Procedere fino a esaurimento del'impasto. Spennellare con l'albume i biscotti e cuocerli 15-16 minuti nella parte media del forno preriscaldato (elettrico 170°, ventilato 160°, a gas, parte alta 180°). Attenzione! Meterli ben stacati nella teglia perché crescono. Spolverizzarli rafreddati con zucchero a velo

Crostata ai cachi

La crostata è facile da fare: 300 gr farina 200 gr burro 100 gr zucchero 1/2 tuorli 2 cucchiai acqua fredda frizzante 8-9 cachi ben maturi abbondante pane grattugiato passato nel burro da mettere sulla frolla prima della frutta

cuocere a 170° (forno ventilato -180° statico) per 35-40 minuti

Pere in salsa piccante

4 pere mature, sane e sode 2 cipolle grandi (una rossa, una dorata) 1 cucchiaio colmo zucchero 3/4 bicchiere Lambrusco o vino bianco secco 1/2 bicchiere aceto di mele 1 cucchiaino da the di sale grosso marino mezzo cucchiaino da caffè ( a piacere aumentare o diminuire!): misto spezie in boccetta unica, cannella, pepe, peperoncino.

Tritare a dadini piccoli le cipolle e cuocerle con il vino, a cupola in un tegame basso di acciaio, a triplo fondo. a fiamma bassa e dopo mezz'ora aggiungere le pere pelate, lasciate a bagno in acqua acidulata con un cucchiaio di aceto di mele, poi tritate pure a dadini, salare e aggiungere anche le spezie e lo zucchero. Sempre coperto, continuare per più di un'ora, finché cipolla e pere hanno la stessa consistenza, e hanno emesso un sughino! Con una forchetta schiacciare un po' la massa. Nel raffreddare si addensa un po' e scurisce!

Torta rovesciata susine

  1. 500 g susine nettate e tagliate a metà
  2. 150 g farina 00
    2 cucchiaini di lievito per dolci
    scorza di limone
    miscelare bene.

    Sbattere in una ciotola, con le fruste elettriche
    50 g burro scarso con 100 g zucchero semolato e 2 uova quindi aggiungere la farina alternando con 100 g latte circa.
    Si ottiene una crema densa.
  3. per la caramellatura ( a piacere, più o meno ricca! Per le susine meglio più zucchero) in una teglia antiaderente circolare o quadrata, come la mia di 20 x 20 cm, o una di 24 cm diametro. Solo prima di infornare, con la crema già pronta, da versare sulle susine, che io ho messo col taglio verso il basso, ma la terza metterò la parte convessa verso il basso!
    40 g burro a fettine
    80 g zucchero di canna eridania antillaise, ha un buon sapore!

Scaldare il forno a 170° ventilato, o come si è abituati, 180 se statico!

Mettere prima il burro nella teglia e scioglierlo sul fornello a fiamma bassa, quindi distribuirvi sopra lo zucchero. Togliere dal fuoco Posarvi le susine, che possono anche essere a spicchi, poi versare la crema, distribuendola uniformemente, si pareggia poi in cottura!

Cuocere per 40 minuti circa, prova dello stecchino!

Salamino di cioccolata, due versioni

FALSCHE SALAMI - FALSO SALAME

25 deca di mandorle grattate, 20 deca di zucchero, 5 deca di cioccolata., scorza di limone .2 uova intere si mette sul fuoco in modo che tutto diventi ben tepido. Quando incomincia ad alzarsi…. allora si aggiungono ancora 19 deca di mandorle spellate tagliate grosse. Sul tavolo coperto con zucchero..fine dare forma di uno o più salami lasciare 1-2 giorni asciugare e poi tagliare a fette sottili.

Salamino di Carmen 2 uova intere, 2 cucchiai di zucchero, 2 di cacao, poi 3 etti i biscotti ( 1 pacco oro Saiwa) a pezzetti, eventualmente 1 etto di canditi), un poco di rum, 1 etto e mezzo di burro sciolto e lasciato raffreddare. Dare forma di salame in carta oleata con zucchero e cacao- in frigo almeno mezza giornata

Frutta fritta


Tanti fruti i se presta par la fritura, che la sìa dolze opur salada. Le più doprade xe armelini, zariese, fragole, persighi, fighi, peri, pomi, ananas e anca le castagne.

Igredienti:

Par la pastela:

15 deca de fior de farina,
un cuciar de zucaro,
un pizighin de sal,
un roso de ovo,
un cuciar de trapa,
un cuciar de oio extravergine de oliva.

Par la pastela lievitada:
15 deca de fior de farina,
un bicer de late,
meza bustina de lievito par dolzi,
un roso de ovo,
un cuciar de trapa (a piazer)
un cuciar de oio extravergine de oliva,
sal.

Par frizer: oio extravergine de oliva.

Par la pastela normal, metè la farina in t'una terina con un fià de aqua, po' zontè el zucaro e el pizighin de sal; 'deso metè el cuciar de trapa e 'ndè 'vanti a misiar con un cuciar de legno, ala fine butè drento el roso de ovo e el cuciar de oio e finì de impastar. La pastela la doverà eser morbida.
Par la pastela lievitada, prima de tuto và siolto el lievito in t'el late (meio se el xe intiepidì), po' zontè la farina, el roso de ovo, l'oio e la trapa, misiè tuto ben ben e doprela subito.
Xe sotointeso che i vari fruti i và pulidi, liberade dei osi e taiade a fete opur a metà se i xe tropo grandi; pasè i fruti in che tipo de pastela che preferì, feli sgociolar e frizele in t'el oio 'sai caldo, ma no' de boio. 'Na volta che i xe ben dorai, dopo gaverle sgogiolade pozeli su foi de carta asorbente par sugarli ben ben e servili ancora caldi eventualmente spolverizai de zucaro o de sal.
Par quel che riguarda le castagne, naturalmente le va prima spelade e po' fate lesar in te l'aqua o in t'el late, come che preferì.


Molta frutta si presta per la fruittura, sia dolce che salata. Le albicocche, le ciliegie, le fragole, le pesche, i fichi, i peri le mele, gli ananas e le castagne sono i più usati.

Igredienti:

Par la pastella:

15 deca di fior de farina,
un cucchiaio di zucchero
un pizzico di sale,
un tuorlo,
un cucchiaio di grappa,
un cucchiaio di olio extravergine di oliva.

Par la pastella lievitata:

15 deca di fior di farina,
un bicchiere di latte,
meza bustina di lievito per dolci,
un tuorlo,
un cucchiaio di grappa (a piacere)
un cucchiaio di olio extravergine di oliva,
sale.

Per friggere: olio extravergine di oliva.

Per la pastella normale, mettete la farina in una terrina con un po' d'acqua, poi aggiungete zucchero e sale; Aggiungete il cucchiaio di grappa e andate avanti a mescolare l'impasto; alla fine aggiungete il rosso d'uovo e l'olio. La pastella dovrà esser morbida.
Par la pastella lievitata, prima di tutto va sciolto il lievito nel latte (meglio se tiepido), poi aggiungete la farina ed il tuorlo, l'olio e la grappa; impastate ben bene ed usatela subito.
È sottinteso che i vari frutti vanno puliti, liberati dai noccioli e tagliati a fette o a metà se sono troppo grandi. Passate i frutti nella pastella, sgocciolateli e friggeteli nell'olio ben caldo, ma non bollente. Quando sono dorati, sgocciolateli, posateli su di un foglio di carta assorbente e serviteli ancora caldi, eventualmente spolverizzati con zucchero o sale.
Per quel che riguarda le castagne, naturalmente vanno prima pelate, lessate nell'acqua o nel latte, come preferite.

Torta all'arancia che faceva la mia mamma

Un pan di spagna con un po' di giallo d'arancia grattato, imbevuta di sciroppo d'arancia ottenuto cucinando una mezzoretta sugo d'arancia, zucchero e rum. Il pan di spagna deve assorbire lo sciroppo.

Torta di arancio

30 deca zucchero 8 uova 30 deca mandorle 5 deca pane grattugiato un arancio Si mescola lo zucchero coi tuorli, poi le mandorle grattugiate, il pane col succo dell’arancio, la buccia dell’arancio, la neve, si arrostisce in forno non molto caldo, si guarnisce a piacere

Creme caramel

Crema alla caramella ½ litro latte abbondante, 4 uova , 4 cucchiai zucchero vanigliato. liquefare la caramella nello stampo, poi sbatter separato l’ingrediente e cuocere a bagnomaria per un’ora. Raffreddare nell’acqua fredda il [sic] stampo poi vuotar nel piatto

Il segreto della dama

12 deca burro, 10 deca zucchero, 100 deca nocelle arrostite e trite, 10 deca biscottini cacao. Si mescola il burro col zucchero, nocelle e cacao si minuzzano i biscotti che vengono poi amalgamati colla pasta. Si mettono in una forma lunga, si lascia per un paio di giorni (^?) si taglia a fette e si serve

Panettone alla milanese

Occorrente: farina grammi 600, burro 150, zucchero 150, sale grammi 5 un uovo intero e cinque tuorli; 70gr una sultanina ben lavata e asciugata, un pezzo di cedro candito tagliato a pezzetti, due bustine di lievito in quanto quel dolce richiede una speciale lievitazione. Lavorazione: s’incorpora alla farina il sale, il burro liquefatto e lo zucchero fatto sciogliere in 200 gra di acqua tiepida, lavorando l’impasto per 10 minuti. Si aggiungono i tuorli d’uovo e l’uovo intero impastando per altri 10 minuti circa finchè la pasta risulterà ben soda. aggiungete l’uva sultanina, il candito e le bustine di lievito, manipolando ancora per bene amalgamare il tutto. Formare quindi il panettone praticando alla superficie un taglio a croce poco profondo. Quando il forno sarà ben caldo, mettere a cuocere sopra una lastra unta di burro lasciandovelo per circa 40 minuti. A metà cottura mettere all’imboccatura del forno una pezzuola bagnata, esso col vapore acqueo che sviluppa acquisterà un bel colore nocciola lucido

questa l'ho provata un paio di anni fa, nulla a che fare col panettone alla milanese ma un buon dolce lievitato

Pasticci per tè

Mandorle e cioccolata, 2 uova, ¼ chilo burro, ¼ chilo zucchero, ½ chilo farina, 1/ 4 chilo mandorle, 10 deca cioccolata, buccia di un limone. polverina lievito. Si mescola il burro colle uova e si lavora sul tavolo con lo zucchero, le mandorle, la farina con la polverina, poi lo si divide in due parti, una delle quali viene mescolata colla cioccolata. Si formano dei dischi collo stampo e si arrostiscono e si uniscono a due a due colla marmellata, si coprono di glasur . Glasur: 30 deca di zucchero dei quali 15 si bagnano coll’acqua e si sciolgono al fuoco, si aggiungono agli altri 15 e si mescolano ben bene aggiungendo del maraschino. Una parte rimane bianca, l’altra si tinge coll’alchermes. Una parte dei pasticcini si copre colla glasur di cioccolata.

Pastine alle noci

Battere bene due uova intere con 4 deca miele ed 1/4 kilo di zucchero in polvere, spezie ed un cucchiaio di bicarbonato. 15 deca noci macinate e 30 deca di farina. Si lavora bene la pasta sulla tavola lasciandola crescere 1/2 ora Si stende sempre infarinando e si taglia a bastoncini, mettendoli non troppo vicini perché crescono molto oppure a quadrati con nel mezzo mezza noce, pennellando il tutto con uovo.

Savoiardi

3 uova, 5 deca di zucchero, 4 deca di farina. Si batte la neve, si aggiunge i tuorli con i zucchero ed infine la farina. Si fanno con due cucchiaini due pallottole sulla carta le quali si congiungono dando così la forma del savoiardo e così di seguito finchè tutta la massa si esaurisce. Si arrostisce in fuoco abbastanza caldo per 12 minuti si lascia raffreddare poi si leva la carta.

Schiumini ( sarebbero le meringhe)

3 chiare d’uova battute a neve, ½ quarto zucchero fino.

SCHOKOLADE TARTELETTES

14 deca di burro, 20 deca di farina, 1 tuorlo, 5 deca di cioccolata, 7 e 1/2 deca di zucchero, impastare bene sulla tavola dalla pasta, poi stendere l'impasto abbastanza spesso e tagliarlo col tagliapasta dei krapfen, cucinare a fuoco non troppo forte. Ripieno di castagne: cucinare mezzo chilo di castagne e passarlo, 8 deca di zucchero a filo, 2 cucchiai di…. un bicchiere di Maraschino, tutto insieme mescolare e farcire le tartelettes in modo che due si attacchino insieme.

Pasta sfoglia

Sfogliata ½ kg burro, 1/2 kg farina, 2 uova tuorli un po’ di rum sale e acqua, mezza farina si impasta col burro e mezza col resto

Sfogliate 1/2 kilo di burro.1/2 kilo di farina, 1/4 chilo di farina si adopera per fare la pasta con sale , acqua e rum. La pasta deve essere ben lavorata e molle.L'altro 1/4 di farina si mescola col burro. Si formano dei panetti che dopo mezz'ora circa di riposo si impastano ad uno ad uno nella pasta distendendola e piegandola. Si distende la pasta per 3 volte poi la si lascia riposare un quarto d'ora e poi per 3 volte di seguito, indi si lavora a piacimento a si arrostisce nel forno molto caldo.

Torta meringata

Torta alla Marenga Per la crema: 4 decilitri di latte, 6 deca zucchero 3 deca farina 3 rossi d’uovo Si prende 10 deca pane di spagna tagliato a fette di ½ centimetro, si prende una tortiera di media grandezza, se la unge col burro e se la riveste colla pasta frolla indi se la mette in forno fino a mezza cottura poi si mette una lista del pan di spagna umidito con rosolio o rum e sopra questa si versa la crema fredda poi un’altra lista del suddetto pan di spagna e in ultimo la neve delle chiare con 14 deca di zucchero farina e con questa viene coperta la torta che si cuoce al forno e quando la marenga è soda bisogna coprirla cola carta affinchè resti bianca

Torta di cioccolata

14 deca zucchero, 14 cioccolata, 7 burro. 4 farina, 6 uova con neve si mescola bene e si arroste. Da raffreddato si taglia in tre fogli. Si cucina 7 deca zucchero 10 deca cioccolata in un decilitro d’acqua poi si frulla con 3 rossi d’uova e raffreddato si aggiunge la panna di due decilitri di fior di latte e si mette tra i fogli e sopra la torta.

Torta di frutta

25 deca di mandorle macinate si dividono in due parti. Una parte si mescola con 8 deca burro un tuorlo 5 deca zucchero e 10 deca farina. Finito di impastare si distende nel stampo e si arrostisce a metà L'altra parte si mescola con 4 tuorli battuti con 18 deca zucchero e colla neve delle 4 uova sulla prima parte si distende la frutta tagliata a pezzi e poi la crema e si cuoce nel forno.

Torta di mandorle ( chiaro d'uovo) 10 chiare d'uovo battute a neve, 37 deca di zucchero, 37 deca di mandorle 5 deca di cioccolato un bicchierino di rum la buccia di un limone, si amalgama, si arrostisce a fuoco medio e si copre con glasur

Torta di noci ¼ Kg noci 3 libretti cioccolata 20 deca zucchero fino 8 bianchi d’uovo fatti a neve oppure 5 uova intere con neve separata. Per la glasur: due libretti cioccolata e tanto zucchero quanto pesa

Torta di noci e mandorle 28 deca mandorle 2 uova mestar assieme 8 rossi con 28 deca di zucchero La neve di 6 uova e 3 deca farina rostir in due parti poi far la neve con 2 uova e 10 deca zucchero e far un tramezzo di schiuma e conserva a liste

Torta di noci finissima ¼ chilo di zucchero, ¼ chilo di noci, 6 uova, 5 deca di farina o pane grattugiato, polverina lievito, a piacere 10 deca cioccolato Si battono i bianchi a neve, dopo mescolati i tuorli con lo zucchero, si amalgano con le noci trite e con la farina e si cuoce a forno non troppo caldo.

Torta di pane 6 uova, 32 deca zucchero, 16 dk burro, 16 dk pan grattato tamisato con rum, 4 tavolette di cioccolate sciolta in vaniglia, scorza di limone

Torta nocelle 6 uova ¼ burro ¼ zucchero 10 farina ¼ nocelle

Queste pagine web fanno uso dei cookies. Usando queste pagine tu accetti che alcuni cookies siano memorizzati sul tuo computer. Usando queste pagine, inoltre, tu accetti di aver letto e compreso le nostre regole sulla privacy. Se non condividi queste regole ti chiediamo di lasciare questa pagina. In questa pagina trovi maggiori informazioni sul nostro uso dei cookies e la nostra gestione della privacy.
ricette/xdolci.txt · Ultima modifica: 19-11-2018 13:56 da babats