Informazioni sulla privacy

Strumenti Utente

Strumenti Sito


canzonette

Indice

Canzoni triestine

Pagina in costruzione

BIBLIOGRAFIA

Talvolta in fondo al testo compare la possibilità di eseguire la musica della canzone; viene, allora, citata in forma sintetica la fonte dello spartito. Si può trattare o di file mp3 o di file midi. Le fonti degli spartiti sono:

STAREC nnn: Roberto Starec, Canzoniere Triestino, Edizioni Italo Svevo (2001); nnn è il numero della canzone

America America America

America 'merica 'merica (ter)
'n America mi voio andar
magari col monopatino
Magari col velozipede
Magari coi carabinieri
Magari a cavalo de un bacolo
magari col caro de Zimolo
magari a caval de mia suocera
Elga impegnado la bana e anca 'muss
'nAmerica el vol andar
'nAmerica no xe più dolari
Trieste mi voio tornar

♫ America. 'Merica - Starec 151 - file midi


Adesso che la moda

Adesso che la moda
se ga taià la coda
taieve done,
putele e none


Al canto del cucù

L'inverno è già passato
l'aprile non è più
e magio è ritornato
al canto dle cucù

Ritornello
El cucù el cucù
El cucù el cucù te m'a fregà una volta no te me freghi più

La bela ala finestra
La guarda su e giù
La speta el fidanzato
Al canto del cucù

Ritornello
El cucù el cucù… El'ora già s'invola
l'amante non vien più
La bela se consola
al canto dle cucù…

Ritornello
El cucù el cucù…

L'aprile è ritornato
ma tu non torni più
ormai mi son stancato
e no te speto più

Ritornello
El cucù el cucù…


Antonio Freno

Iera un sabo de sera
quando Antonio Freno,
vegnudo fora de un'osteria
de via Capiteli,
apena imboca' la via Crosada,
una guardia lo ga ferma'.

- Lei Freno la vegni qua -
lu ghe xe anda' vizin
e che ga dito cussì…
- La scusi siora guardia,
che mi no go fato gnente,
in mezo a tanta gente
la me fa vergognar. -

- Sta zito, o bel moscardin!
Te ciapo pel cupin
e te meto in preson! -
'lor andai a casa
e presi il coltello
e feci il macello di quel traditor.

Un sabato de sera
le diese za sonade,
vignia comeso un fato
de grande serieta':
'na guardia de patulia
de posto in Via Crosada,
vigniva asasinada
da un nostro zitadin.

Tuti lo conosemo:
se ciama Antonio Freno
e col coltelo in seno
girava la cita'.
In punto a mezanote
la man insanguinada,
con l'anima turbada,
girava la cita'.

Dopo comeso 'l fato
a Isola el xe andado
e la' i lo ga arestado
pasando in criminal.

Tuti lo conosemo,
se ciama Antonio Freno
e col coltelo in seno
girava la zita'.


Ara che cana

Ara che cana cana cana
Ara che cana piena de busi
chi me la cusi chi me la cusi
Chi me la cusi per un patacon?

Ara che cana ontolada
Ghe voria una savonada
Ghe voria una savonada
con tre chili de savon

♫ Ara che cana - Starec 152 - file midi


Bionda Petenite

Prima versione

Bionda petenite,
fate la riga'in banda,
se'l moro te la domanda,
dighelo pur de no!

Altra versione:

Bionda petenite,
fate la riga'in banda,
se el vecio te domanda,
se el vecio te domanda,

Bionda petenite,
fate la riga'in banda,
se el vecio te domanda,
dighe de no!

♫ Bionda petenite - Starec 155 - file midi


Canta san Giusto

Parole di Ernesto Zollia
Musica di Guido Natti

I
I veci brontola
Che i tempi xe cambiai.
No xe piu` maschere,
No xe piu` carnevai,
Che come in tempi andai
Sta nostra gioventù
No se diverti e non la canta più.

II
Se adesso I giovini
Xe mati drio el balon.
Se fin le suocere
Se ga tajà el cocon,
Se dura sta passion
Pel jezz e pel simi,
El nostro canto dunque xe fini!

Ritornello
Canta San Giusto dal suo campanil
L'eterno canto che toca ogni cuor
Trieste tuta xe un canto gentil
Che ghe somiglia al profumo de un fior!
Canta la Bora, le onde del mar
E le sirene che ciama al lavor,
Una canzon che nissun sa cantar
Trieste tuta xe un canto de amor!


Caro bebè

Chi No Ga Bori

E anca i caligheri, mestier che va benon
inveze del corame ghe fica su el carton

Ritornello
Caro bebè te ga ragion
chi no ga bori no ga religion!
Caro bebè te ga ragion
chi no ga bori no ga religion!

E anca i camerieri mestier che va benon
i viagia sete mesi e i ga i corni de castron

Ritornello
Caro bebè te ga ragion

E anca i tabachini mestier che va benon
i ga dimora stabile in giardin de la stazion

Ritornello
Caro bebè te ga ragion

♫ Caro bebè - Starec 400 - file midi


Chi è nato in gennaio

Chi è nato in gennaio
si alzi, si alzi
chi è nato in gennaio
si alzi, si alzi in piè

e prenda il suo bichiere in man
e bevilo bevilo bevilo
e bevilo tuto d'un fià
e op-sa-sa e op-sa sa

Altra versione su cui è fatto il file midi più sotto Chi è nato in gennaio
si alzi, si alzi
chi è nato in gennaio
si alzi, si alzi in piè

e prenda il suo bicchiere in man
lo beva fino in fondo
e bevilo bevilo bevilo
bevilo bevilo bevilo
bevilo bevilo bevilo
bevilo tuto d'un fià

Gennaio, febbraio
e op-sa-sa e op-sa-sa (2 volte)

(Si ripete per ogni mese con la conclusione
E chi non è mai nato …
perchè xe sempre qualchedun che imbroia :-D )

(È la traduzione del tedesco
Wer ist in Januar geboren
steht auf steht auf steht auf )

♫ Chi è nato in gennaio - Starec 269 con semplice armonizzazione - file midi


Ciola, ciola Pepi

Ciola ciola Pepi
che la xe carina,
la scova la cusina
la neta el fogoler

E adesso che la go ciolta
tuti me disi mona
perchè no la xe bona
de far gnanche el cafè


♫ Ciola ciola Pepi - Starec 163 - file midi


Ciribiribin

Ciribiribin paghè 'na bira
(Popolare)

I.
Ciribiribin, paghè 'na bira,
Ciribiribin, no go moneda,
Ciribiribin, domàn de sera,
Ciribiribin, la pagherò!

Ritornello:
Sei bella, sei cara,
Bella, non piangere!
Bella, non piangere!
Sei bella, sei cara,
Bella, non piangere
Non sospirar!

II.
Ciribiribin, ghe vol persuto,
Ciribiribin e mortadela,
Ciribiribin, la mula bela
Ciribiribin per far l'amor!

Ritornello:
Sei bella, sei cara,

♫ Ciribiribin - Starec 271 - file midi


Comare che bora

LA BORA (Comare che bora)
(Parole di “Ermanzio”, Musica di S. Negri - 1903)

I.
La sburta, la sbati,
El naso la impizza,
La jazza le jozze
Che in tera se schizza.

La sufia de soto,
La sufia de sora:
Ferai e camini
La manda in malora.

Ritornello:
Comare, che bora,
Comare, che inferno,
Che vadi 'n malora
La bora e l'inverno!

II.
Co' un colpo de bora
Un sior se scapela,
Le còtole in aria
Ghe va ala putela.

Va via la paruca
De qualche vecieto,
A quel dei maroni
Se svoda el bancheto.

Ritornello:
Comare, che bora,

III.
La porta nei oci
Sabion e scovazze,
I muri la passsa,
La passa le strazze

La va dapertuto,
Ma questa xe bela:
Che ti te la trovi
Perfin in scarsela!

Ritornello:
Comare, che bora,


Come bala ben quela là

Scarpetine di veluto
calzetine di seta fina
per andar sera e matina
e su de Caciùn a balar

Come bala ben quela là
Come bala ben quela là
Come bala ben quela là sul sofà
Ancora quatro salti
ancora quatro salti
a casa po se va
( var; e po se va al mondo de là oppure le suste in malora andarà)

Voio nadar sule alte montagne
a sentire cantare gli ucelli
passerini stornelli e fringueli
e di tute le qualità


Cori cori Pepi/Toni

E cori cori Toni
se ti me vol ciapar
fin ale oto
te tocherà subiar
Uno due
due e tre
fin che coro no me ciapè


Co son lontan de ti

TRIESTE MIA
(Parole di “Corrai”, Musica di Publio Carniel - 1925)

I.
Co son lontan de ti, Trieste mia,
me sento un gran dolor
e più che zerco de pararlo via,
più me se ingropa el cor.
Le lagrime me cori zo pel viso
e digo fra de mi
che no ghe esisti un altro paradiso
più splendido de ti!

Ritornello:
Un buso in mia contrada,
un vecio fogoler,
un sial che pica in strada,
do rose in un piter,
in alto quatro nuvoli,
de soto un fià de mar,
xe 'l quadro più magnifico
che mai se pol sognar!

II.
Lontan de ti, Trieste, no go pase:
me manca el nostro ziel,
el verde dei tui pini, le tue case
e i muri del castel.
E penso al mio balcon in Rena vecia,
quel caro balconzin!
de dove vedo i monti che se specia
nel golfo zelestin.

Ritornello

III.
Lontan de ti, son come l'useleto
che vivi in s'ciavitù
e me dispero e pianzo el mio dialeto
che no lo sento più!
Ma quando torno, canto de alegria;
me salta el cor in sen
e zigo: Ah si, Trieste, ti xe mia!
te voio tanto ben!

Ritornello

♫ Co son lontan de ti - file midi codificato a memoria


Demoghela

Maledeta sia la svelia
sia la svelia del matino
Se riposa un pochetino
per marciare un poco ben

Se qualchidun no marciaria,
o marciassi malamente
ghe disemo al sior tenente
che raporto el ghe farà

Se no basta el sior tenente
'nunziaremo al capitano
povareto quel cristiano
che ala forca 'l andarà

Qua se magna qua se bevi
qua se lava la gamela
zigaremo Demoghèla
fin che l'ultimo sarà


De soto dela flaida

parole di Giulio Piazza musica di Michele Chiesa. concorso 1892 I premio-

I
De soto dela flaida
le braghe i ga straponte
i ga el capoto al monte
ma i vol far carneval
Se no ghe xe luganighe
i magna pan e aio
do croste de formaio
ma i vol far carneval
Se l'acqua de Ambrosina
la costa massa bori
i ghe la lassa ai siori
che'l vin ghe pol far mal

II
La bora xe in scarsela
no la xe in piazza
le babe le se iazza
ma i vol far Carneval
cavado 'l portofranco
xe lì'oio sula fiama
ma i va al Politeama
per goder carneval
Più giorni che luganighe
più sorzi che formaio
i magna pan e aio
ma i vol far carneval


De Trieste fin a Zara

(Popolare)

I.
De Trieste fin a Zara
go impegnà la mia chitara,
Amor, amor, amor!
Amor, amor, amor!

De Trieste fin a Zara
go impegnà la mia chitara.
Amor, amor, amor
che Trieste xe un bel fior!\

Ritornello:
Iero in campagna
col primo amore,
oh, che bel fior!
Oh, che bel fior!
Oh, che bel fiore!

Iero in campagna
col primo amore
oh, che bel fior!
Oh, che bel fior!
Viva l'amor!

II.
De Trieste fin Duino
go impegnado el mandolino,
Amor, amor, amor!
Amor, amor, amor!

De Trieste fin Duino
go impegnado el mandolino,
Amor, amor, amor
che Trieste xe un bel fior!

Ritornello

III.
De Trieste fin a Pola
go impegnà la mia zivola,
Amor, amor, amor!
Amor, amor, amor!

De Trieste fin a Pola
go impegnà la mia zivola,
Amor, amor, amor
che Trieste xe un bel fior!

Ritornello


Apocrife:

De Trieste fin a Pola
go lassà la mula sola

De Trieste fin Ragusa
go tentà, la xe andà sbusa

de Trieste a S Polaj
go impegnà un per de stivai

De Trieste fin a Viena
go lassà la mula piena

De Trieste a Basovizza
go basà la mula rizza

A Trieste con la bora
ti ho baciata per un'ora

e per finire un recente:

De Trieste fin Villesse
Go ciapado l'aidiesse


E Andando zo pel corso

E andando zo pel Corso -ai bai tu me la darai
in contro un bel flon flon- sigusela sigusòn
e mi ghe vado drio-ai bai..
ghe pago una porzion- siguesela..
e co ghe pago el conto- ai bai..

la me peta un scarpon- sigusela..
E mi ghe coro drio- ai bai..
la beco in un porton- siguesela
e dopo nove mesi- ai bai-..
xe nato un bel masciòn-sigusela..


E anche el tram de Opcina ( la bora)

LA BORA (La Nova Bora)
(Popolare)

I.
E anche el tram de Opcina
xe nato disgrazià:
vignindo zo per Scorcola
'na casa 'l ga ribaltà.
Bona de Dio
che iera giorno de lavor
e drento no ghe iera
che '1 povero frenador!

Ritornello:
E come la bora che vien e che va
i disi che '1 mondo se ga ribaltà!
E come la bora che vien e che va
i disi che '1 mondo se ga ribaltà!

II.
L'Italia ga pan bianco
La Francia ga bon vin
Trieste ga putele
tute carighe de morbin
Carbon ga l'Inghiltera
La Russia ga cavial
e l'Austria ga capusi
che no se pol magnar

Ritornello

III.
E anca 'ste putele
xe nate carigade
se tira zo le cotole
per meterse le braghe
Le fuma come cogome
le legi el Grand Hotel
e pare, mare e fia
copa i zimisi col martel!

oppure

E tute ste mulete,
come mate pel capel,
le vol acompagnarse
a qualche bel putel,
ma co' le riva a casa,
se senti un gran bordel
e pare, mare e fia
copa zimisi col martel

Ritornello


LA BORA (La Nova Bora): apocrife

E anche el Lanver cinque
xe nato disgrazià
Andando su in Galizia
Un fraco el ga ciapà
Ma inveze el novantasete
Più furbo el xe sta
‘l ga fato piramìde
de là el ghe la ga dà

E anche Marco Ranfo
passando per zità
el ga ciapado el granfo
e in tera el xe cascà

E nel Palazzo Cheba
che tanto i ga studiado
l'acqua no i ga trovado
noi beveremo vin!

E anche el tram de Servola
xe nato disgrazià
rivà fora del tunel
nol se ga più fermà
Bona de Dio
che gehe iera el parador
se n'andava in piazza
e 'l finiva in pissador
Variante
E anca el tran de Servola
xe nato disgrazià
corendo in galeria
in piazza el xe sbrissà
Dentro ghe iera
diverso personal
che se ga ribaltado
e se ga fato mal

E anca sior Carleto (var carleto piria)
xe nato disgrazià
andando per l'isonzo
in aqua el xe cascà
Bona de Dio
che iera su cugnà
se no el finiva in smoio ( var a Sdoba)
in boca al bacalà

Ste siore tute sute
con tanto de capel
le voleria confnderse
con qualche bel putel
La sera ch ele va a casa
le tira zo le capel
e pare e mare e fia
copa i pulisi col martel

El mulo Gigi gnampolo
de mi xe inamorado
mi che no son difizile
ghe voio ben de cuor
Mi fazo la modista
e Gigi fa el safer
se vedi a prima vista
che se volemo ben

Col sie andemoa Barcola
con quatro in arsenal
co lì'uno in zimitero
col zinque al Ospedal
E do v mena a Servola
el sete ala stazion
el nove al frenocomio
el diese va in preson

Co sta pagheta picola
go sete gio che magna
El gato el can la suocera
per mi xe na cucagna
Gu buba in t'una gamba
no posso caminar
e meio de cussì
per mi no pol andar

E anche el tram de Servola
xe nato disgrazià
rivà fora del tunel
nol se ga più fermà
Bona de Dio
che gehe iera el parador
se n'andava in piazza
e 'l finiva in pissador
Variante
E anca el tran de Servola
xe nato disgrazià
corendo in galeria
in piazza el xe sbrissà
Dentro ghe iera
diverso personal
che se ga ribaltado
e se ga fato mal

E anca sior Carleto (var carleto piria)
xe nato disgrazià
andando per l'isonzo
in aqua el xe cascà
Bona de Dio
che iera su cugnà
se no el finiva in smoio ( var a Sdoba)
in boca al bacalà

Ste siore tute sute
con tanto de capel
le voleria confnderse
con qualche bel putel
La sera ch ele va a casa
le tira zo le capel
e pare e mare e fia
copa i pulisi col martel

El mulo Gigi gnampolo
de mi xe inamorado
mi che no son difizile
ghe voio ben de cuor
Mi fazo la modista
e Giga fa el sofer
se vedi a prima vista
che se volemo ben

Col sie andemoa Barcola
con quatro in arsenal
co lì'uno in zimitero
col zinque al Ospedal
E do v mena a Servola
el sete ala stazion
el nove al frenocomio
el diese va in preson

Co sta pagheta picola
go sete gio che magna
El gato el can la suocera
per mi xe na cucagna
Gu buba in t'una gamba
no posso caminar
e meio de cussì
per mi no pol andar

Ritornello


E chi che toca

E chi che toca
la mia morosa
sarà felice e fortunato

E chi che sposa
la mia morosa
El sarà beco e bastonà


E Come Nualtri

E come nualtri
no ghe xe altri,
no ghe xe altri!

E se ghe xe ancora
che i vegni fora,
che i vegni fora!

♫ E come nualtri - Starec 177- file midi


E ghe iera una veciazza

E ghe iera una veciazza ueh (2 volte)
la se voleva a maridar (2 volte)

E la va del sior curato ueh (2 volte)
perché 'l la possi a maridar (2 volte)

El ghe fa la visita in boca ueh (2 volte)
e 'l ghe trova tre denti sol (2 volte)

El toca el primo, el zinzolava ueh
toca el secondo, el scantinava ueh
el toca el terzo, 'ghe resta in man (2 volte)

Va via de qua bruta veciazza ueh (2 volte)
che gnanca 'l porco no te vol più (2 volte)

Se mi son una veciazza ueh (2 volte)
gnanca ti giovine no te son più. (2 volte)


E in zavate e capel de paia ( inno dei mati)

INO DEI MATI (Popolare)

I.
E co càpita el primario
el domanda come xe,
come xe.
Sior primario, stemo meio:
siam rimasti solo in tre!
Solo in tre!

Ritornello:
E in zavate, capèl de paia,
la vestaia a pindolòn,
pindolòn,
finiremo 'sta marmaia
ne l'Otava Divisiòn!
Secessiòn!

II.
Sior primario, la saludo
perchè 'l mal me xe passà,
xe passà,
ma se ciapo un'altra bala
la me vedi tornàr qua!
Tornàr qua!

Ritornello

Altre strofe:
Sior primario stemo mieo
Che le mal ne xe passà
ma se ciapo un'altra bala
La me vedi tornar qua

Sul pajon dela quaterna
Va remengo così sia
ti tu pare tu mare e tu zia
tuti quanti in compagnia
sul paion sul paion sul paion!

var del ritornello

Co le ghete color canela
cola cica e col baston
i camina su pel corso
col capoto a remengon
secession!


E le babe de Rena Vecia

E le babe de Rena Vecia
e le se senta su per le scale
va in maloron
e coi cavei zo per le spale
va in maloron
e no le fa che criticar.

Ritornello…
E vegno a casa a mezogiorno
e sul fornel no trovo fogo,
e mi me toca far de cogo
e se un bocon vojo magnar!


El Coroneo

El Coroneo xe la mia casa
e i Gesuiti xe el mio bel giardin
La fiama osidrica el piè de porco
xe i atrezi del mio bel mestier….

El celulare xe la mia auto
e 'l questurin xe el mio bel safer

E la mia casa xe el Coroneo
e 'l secondin xe el mio bel guardian


El merlo ga perso el beco

El merlo ga perso el beco
come el farà a cantar?
Povero merlo mio
Come farà a cantar?

el merlo ga perso un ocio…
el merlo ga perso un'ala…

È la versione nostrana del francese Alouette gentille alouette..

♫ El merlo ga perso el beco - Starec 506- file midi


El porto franco

(Popolare)

Adesso che i ga portà via
el nostro Porto Franco,
no ghe xe più alegria,
ma tuti ga el muson!

Adio pan de oto
el vin a trentasei!
Bisogna far fagoto
e andar in maloron!

♫ El porto franco - Starec 292 - file midi


E no la me vol più ben

NO LA ME VOL PIU' BEN
(Popolare)

I.
E no la me vol più ben,
e no la me vol più ben,
la prega Dio che crepo,
la prega Dio che crepo…
E no la me vol più ben,
e no la me vol più ben,
la prega Dio che crepo,
e inveze stago ben !

Ritornello
Sei bella, sei cara
bella non piangere
bella non piangere.
Sei bella, sei cara
bella non piangere
non sospirar !

II.
E mio marì xe bon,
el xe tre volte bon,
ma solo la domenica
ma solo la domenica…
E mio marì xe bon,
el xe tre volte bon,
ma solo la domenica
'l me anzi col baston!

Ritornello


E se le guardie..

prima dela prima guerra

E se le guardie no vol che cantemo
noi cantemo, noi cantemo
E se le guardie no vol che cantemo
noi cantemo per farle arabiar

Cantemo, cantemo
e noi cantemo
e noi cantemo

Cantemo, cantemo
e noi cantemo
e noi cantemo per farle arabiar


E se son palida...


E se son palida
dei mii colori,
no voio dotori,
no voio dotori!

E se son palida
dei mii colori,
no voio dotori,
ma un litro de vin!

altra versione:

E se son palido
senza colori,
no voio dotori,
no voio dotori!

E se son palido
come una straza,
vinaza vinaza,
e fiaschi de vin!


Fazo l'amor xe vero ( No steme a tormentar)

NO STEME TORMENTAR !
(Parole e Musica di “Bruno Guisa” (Ugo Urbanis) - 1890)

I.
Fazzo l'amor, xe vero,
Cossa ghe xe de mal?
Volè che a quindise ani
Stia là come un cocal!

Se tuto el santo giorno
Sfadigo a lavorar,
Xe giusto che la sera
Me fazzo compagnar.

Fazzo l'amor, xe vero,
No steme a tormentar!

II.
Vado a nudar, sicuro,
Cossa ghe xe de mal?
Co' sto tantin de caldo
Xe più che natural.

Go el vestitin setado
E se anche i vol guardar
No son cussì malfata
De averme a vergognar.

Vado a nudar, sicuro,
No steme a tormentar!

III.
Vado a balar, xe vero,
Cossa ghe xe de mal?
Saltar a l'età mia
No xe un pecà mortal.

Se gira e se se sburta
E se se fa strucar;
Se torna a casa morte
E in pìe no se pol star.

Vado a balar, xe vero,
No steme a tormentar!

IV.
Vado su e zo pel Corso,
Cossa ghe xe de mal?
Go el moro che el me speta
Tacà soto el feral.

El xe una macia, el scherza,
No 'l fa che stuzzigar;
Nol vol che sti dedini
Se strachi a lavorar.

Vado su e zo pel Corso,
No steme a tormentar!

V.
Vado al velion, stasera,
Cossa ghe xe de mal?
Son giovine, son bela
E semo in Carneval.

In maschera se ridi
A farli bazilar
E a qualchedun la zena
Se ghe la pol scrocar.

Vado al velion, stasera,
No steme a tormentar!

VI. (con vose de vecia)
Son vecia e son in tochi:
Questo ghe xe de mal!
Me tocarà, capisso,
Finir a l'ospedal.

Purtropo go finido
De farme cocolar
E za che no i me guarda.
Me sfogo a tabacar.

Ma chi bazila mori,
No steme a tormentar!


Ghe iera una veciaza!


Qua ghe iera una bruta vecia
Oh che se voleva a maridar,
che se voleva a maridar

Va via de qua bruta veciazza
Oh che no te xe per a maridar
che no te xe per a maridar

altra versione:

E ghe iera una veciaza
E ghe iera una veciaza
Che se voleva a maridar,
Che se voleva a maridar

Ma va via bruta veciazza
Ma va via bruta veciazza
Che gnanca el diavolo no te vol più
Che gnanca el diavolo no te vol più


Gigia col borineto

BONA FORTUNA
(Parole di F. di G. Venezian, Musica di E.Luzzatto - 1890)

I.
Gigia, col borineto
A caminar xe un gusto;
Da brava, svelta, vestite
E vien con mi a San Giusto

E là su quel mureto
Se sentaremo arente;
Coi oci parlaremo
E co' la boca gnente.

Ritornello: A Roma i ga San Piero,
Venezia ga el leon,
Per noi ghe xe San Giusto
E 'l vecio suo melon.

II.
La luna ghe fa ciaro
Ai monti, al mar lontan:
Gigia, che bela note…
Guantime per la man.

Pensar da quanti secoli
Quel campanil xe là!
Pensar che in quela ciesa
Me son inamorà.
Ritornello

III.
Scóltime bionda: el mondo
Te pol assai girar,
Cità come Trieste
Te stenterà a trovar.

Xe vero, tuto el giorno
Se sgoba in tel lavor;
Epur no se xe bestie,
Se ga qualcossa in cuor.

Ritornello

IV.
E, quando vien la festa,
Lassèmo ogni secada:
A Servola o a Prosseco
Se fa la baracada.

La ciribiricócola
Farse scaldar col vin
E, saldi in gamba, musica!
El goto fa morbin.

Ritornello


I Love You Johnny (Mio Caro Johnny)

E adeso che xe partì 'l batel
No poso più fumar “Camel”.
Caro Johnny, co ti te son partì
Mi me ricordo che iera un venerdì.

E la sera butada sul paion,
te disevo: “I love, I love you, John!”.
Mi go pianto, go pianto dal dolor
Perché te jeri un negro cussì bon!

Bon! Bon! Bon!

E mi mai più no troverò un altro american
Come ti che te me davi in man el chewinggum

I love you Johnny, I Love you Texas
se tu vuoi far l'amor con me,
tu mi dare ciocolata,
io ti dare la patata

tu mi dare sigarete,
io ti dare bele tete


I gobi (parte moderna)

La Famiglia Dei Gobbon

Gobo su pare, goba su mare
goba la goba de su sorela
iera goba anche quela
iera goba anche quela

Gobo su pare, goba su mare
goba la goba de su sorela
iera goba anche quela
la famiglia dei gobon

Gobo sentite, gobo sentite
gobo sentite, me senterò anche mi

E quando che a Trieste
xe rivadi i Titini
Iera gobi anche i scalini
Iera gobi anche i scalini

E quando che a Trieste
xe rivadi i Titini
Iera gobi anche i scalini
la famiglia dei gobon

Gobo su pare, goba su mare
goba la goba de su sorela
iera goba anche quela
iera goba anche quela

Gobo su pare, goba su mare
goba la goba de su sorela
iera goba anche quela
la famiglia dei gobon

Gobo sentite, gobo sentite
gobo sentite, me senterò anche mi

E quando che a Trieste
Xe rivadi i Neozelandesi
Iera gobi anche i svedesi
Iera gobi anche i svedesi

E quando che a Trieste
Xe rivadi i Neozelandesi
Iera gobi anche i svedesi
la famiglia dei gobon

Gobo su pare, goba su mare
goba la goba de su sorela
iera goba anche quela
iera goba anche quela

Gobo su pare, goba su mare
goba la goba de su sorela
iera goba anche quela
la famiglia dei gobon

Gobo sentite, gobo sentite
gobo sentite, me senterò anche mi

E quando che a Trieste
xe rivadi i Aleati,
iera gobi anche i gati
iera gobi anche i gati

E quando che a Trieste
xe rivadi i Aleati,
iera gobi anche i gati
la famiglia dei gobon\

Gobo su pare, goba su mare
goba la goba de su sorela
iera goba anche quela
iera goba anche quela

Gobo su pare, goba su mare
goba la goba de su sorela
iera goba anche quela
la famiglia dei gobon

Gobo sentite, gobo sentite
gobo sentite, me senterò anche mi

E quando che a Trieste
xe rivadi i Americani,
iera gobi anche i cani
iera gobi anche i cani

E quando che a Trieste
xe rivadi i Americani,
iera gobi anche i cani
la famiglia dei gobon

Gobo su pare, goba su mare
goba la goba de su sorela
iera goba anche quela
iera goba anche quela

Gobo su pare, goba su mare
goba la goba de su sorela
iera goba anche quela
la famiglia dei gobon

Gobo sentite, gobo sentite
gobo sentite, me senterò anche mi

E quando che a Trieste
Xe rivadi i Taliani
Iera tuti gobi o nani
Iera tuti gobi o nani

E quando che a Trieste
Xe rivadi i Taliani
Iera tuti gobi o nani
la famiglia dei gobon

Gobo su pare, goba su mare
goba la goba de su sorela
iera goba anche quela
iera goba anche quela

Gobo su pare, goba su mare
goba la goba de su sorela
iera goba anche quela
la famiglia dei gobon

Gobo sentite, gobo sentite
gobo sentite, me senterò anche mi


I gobi (parte antica)

I Gobi originale prima dela variante “seconda guerra”

Ghe iera al mio paese
Una famiglia ssai in voga
la iera tuta goba
la iera tuta goba
Ghe iera al mio paese
Una famiglia ssai in voga
la iera tuta goba
La famiglia del gobòn

Gobo su pare, goba su mare…

Un gobbo ed una gobba
All'età di novant'anni
anche lor coi loro affanni
si decisero a sposar

Gobo su pare..

Celebrava il matrimonio
Il canonico don Piero
Con la gobba fatta a pero
la famiglia del gobòn

Gobo su pare…

E dopo nove mesi
E' nato un bel bambino
anche lui col suo gobbino
la famiglia del gobòn

Gobo su pare..

E quando che i xe morti
i ga fato una gran cassa
col buso per la gobassa
la famiglia del gobòn

Gobo su pare..


In Mezo Al Mar

In mezo al mare
in mezo al mar,
son tre sorele,
in mezo al mar.
Una di quele
vorei sposar:
eviva'l mar!
Eviva el mar, son marinaro, eviva l'amor,
eviva el mar, son marinaro, eviva l'amor! In amor!

In mezo al mare
in mezo al mar,
xe un' osteria
in mezo al mar
xe l'aligria
del marinar!
eviva'l mar!
Eviva el mar, son marinaro, eviva l'amor,
eviva el mar, son marinaro, eviva l'amor

in mezo al mare
in mezo,al mar
xe una naranza
in mezo al mar
xe la speranza
del marinar
eviva'l mar!
Eviva el mar, son marinaro, eviva l'amor,
eviva el mar, son marinaro, eviva l'amor

in mezo al mare
in mezo al mar
xe un bastimento
in mezo al mar
che speta el vento
per navigar
eviva'l mar!
Eviva el mar, son marinaro, eviva l'amor,
eviva el mar, son marinaro, eviva l'amor

(in mezo al mar , ghe xe una colonna è la madonna è la madonna
in mezo al mar ghe xe una colonna è la madonna del marinar)


In Mezo Al Mar (2)

In mezo al mar
ghe xe un camin che fuma
e dentro xe
el mio ben che se consuma,

el se consuma
a poco a poco a poco
come le legne
verdi sora el foco

in mezo al mar
ghe xe una fontanela
chi bevi de quel'acqua
la se inamora.

Mi go bevudo piena
una scudela
e no me son
inamorado ancora


In un canton

In un canton
del scovazon
xe l'amor mio ( bis)
andove sei tu?

E io lo cerco
e non lo trovo e io lo chiamo
lui non risponde
Lui s'è perso
in mezo a l'onde amor mio
dove sei tu?


Iò, Iò Cavalo

Iò, iò cavalo,
la mama vien dal balo
co' le scarsele piene
per darghe a le putele,
putele no le vol:
e (N.) se le ciol!

Iò, iò, cavallo,
la mama torna dal ballo
con le tasche piene
per darne alle ragazze,
le ragazze non ne vogliono:
e (N.) se le prende.


La banda

E Come La Marcia Ben

Come la marcia ben
la banda, la banda,
come la marcia ben
la banda, la banda e
come la marcia ben
la banda, la banda
come la marcia ben
la banda dei usei
freschi e bei

E fin che la va cussì
no la va mica male,
fin che la va cussì
no la va mica male,
fin che la va cussì
no la va mica male,
fin che la va cussì
la banda dei usei
freschi e bei

La banda la vien, la banda la vien, la banda la vien, la banda la vien,
la banda la vien, la banda la vien, la banda la vien, sul muss!
la banda dei usei freschi e bei


La Canzon dei speleologi

Noi che del Carso semo i esploradori
e andemo per tuti i busi e cagadori….

Quassù sul nostro Carso
xe grote in quantità
per esplorarle tute
dirò come si fa

Oilè grotista, olè
che el vecio xe in canon!

Basta coragio
e bona volontà
e co 'na bona scala
sul fondo se riverà

Oilè grotista, olè
che el vecio xe in canon!

E co se riva in fondo
bisogna zigar “Daghe!”
e aver tanto coragio
per no impinir le braghe

Oilè grotista, olè
che el vecio xe in canon!

E per l'esplorazione
una lampada a carburo
quel tanto per no sbater
i corni contro el muro

Oilè grotista, olè
che el vecio xe in canon!


La cioghi el oio

In sta contrada sta 'na sarturela
con un viseto propio de Madona
Mi no go ancora conossù una dona
che con sta qua se possi confrontar

La xe morazza la ga
i ociazzi neri
che se i te varda i te
ribalta in tera

La ga una cavelada, una dentiera
che tuti quanti la fa inamorar.

Me son inamorà de sta putela
de diventar furioso e come mato
L'amor me ga ridotto in questo stato
Mi questa mula la me farà morir

Ghe coro drio la sera e mi la fermo
ghe spiego tuto el ben che mi ghe voio
La mula me rispondi El cioghi l'oio
El cioghi l'oio e nol me stia secar

E i cari amizi che sa ben sta storia
ancora i me remena e ridi in muso
Xe propio meo no filarghe suso
Molarghe el fil lassarla bagolar

Ma guai se un giorno vecia e malandada
La me vegnissi soto in Piazza o in corso
Voria zigarghe drio ma come un orso
La cioghi l'oio, no la fa per mi!


La domenica andando ala messa

La domenica andando ala messa
accompagnata dai mie amatori
hanno saputo i miei genitori
monachella mi fecero andar

Amavo un idolo che a me mi piaceva
di virtù di beleze e d'amore
tuto il mondo a me sol rideva
di quel amor cominciado e finì

Ora adesso che son monachella
m'han rinchiusa fra muri e castelli
m'han tagliato i mie biondi capelli
giovanotti piangete con me

Giovanotti piangete piangete
che il veleno son già preparato
il mio sangue son già invelenato
giovanotti piangete per me!

Fiori e sassi piangete piangete
che per amore si sofre sì tanto
il mio cuore ha bisogno del pianto
come la tera ha bisogno del sol


La mia bela se ciama Sofia

(autore sconosciuto- fine 1700)

I.
La mia bela se ciama Sofia
note e giorno la speta al balcon
la ga el naso che par un'arpia,
grassa e grossa la par un balon.

Ritornello
Come se fa? Come se fa?
Co go visto Sofia, me go inamorà!
Come se fa? Come se fa?
Co go visto Sofia, me go inamorà!

II.
La ga i denti che par una sega:
tuti negri, nesuno de bon.
E la boca che par 'na botega,
più de quele che vendi carbon.

Ritornello
III.
La sua testa la par una zuca,
senza gnanche un cavel che sia bon
e la porta una zerta piruca,
che ga fato monsiù Lavagnon.

Ritornello


La giornada del Zinque de Marzo

E la giornada del zinque de marzo
Sei giovinoti volevan festegiar;
a la matina presero una barca
e contro Zaule si misero a vogar.

E dopo aver mangiato e bevuto
il ritorno volevano far,
ma un pilota li disse “Giovinoti,
questa sera non andare per mar!”

I giovinoti no vole ascoltare,
tosto il ritorno volevano far;
apena giunti al Valone di Muggia
e la barca scominzia a rolar.

Lentamente scendeva la sera,
rischiarava di tuto un chiaror,
e si faceva una grande bufera
strepitando un tremendo dolor.

E da lontano si vide una barca
contenuta da sei marinar;
combateva i più forti, lotava
per le onde fugaci del mar.

Si sentiva le grida strazianti
e si vedeva i capeli a straciar
e le madri pregavano i Santi:
nula valse potesse a salvar!

Quando stanchi si mise a gridare:
Su coragio,frateli dobiam!
Co l'aiuto del nostro Signore
forse Lui ne potesse salvar!.

Antonio Bucher più forte lotava
rivolgendo uno sguardo sul mar
e confortava i amici piangenti
e salutava i sui cari genitor.

Ogni tanto mancava un amico,
ogni tanto mancava qualcuno
e a la fine rimase sol uno
che può dir dei perduti sul mar.

Cinque ore che stete sul mare,
pien de afani e convulsi aveva,
il povereto infelice piangeva
pei sui compagni che si àno negà!

(ispirata a un fatto successo il 5 marzo 1899)


La mia mama me ga dito

( propriamente: El celibato)

Son venuto da Parigi
per pagar el celibato
cento lire mi han fregato!
Rit.:
No me sposerò mai più:
mi resto celibe!

La mia mama me ga dito
No sta andar con quele bionde
le xe tute vagabonde
Rit...

La mia mama me ga dito
No sta a ndar con quele more
le xe false e traditore
Rit.

Se la bionda non mi vuole
e la bruna non mi piace
pagherà trezento tasse
Rit.

Con sta crisi che xe ogi
no se fa più matrimoni
'legri 'legri zovinoti
Rit.

La mia mama me ga dito
No sta andar coi militari
perché i fuma Popolari
Rit.

La mia mama me ga dito
noi sta andar cola finanza
che te cresserà la panza
Rit.

La mia mama me ga dito
No 'ndar fora dlee striche
che i te guante le tue fliche
Rit.

La mia mama me ga dito
Xe rivà la cartolina
per andar in Abissinia
Rit.

La mia mama me ga dito
No sta andar in Abissinia
che le negre te ruvina
Rit.

La mia mama me ga dito
no sta andar in Abissinia
i te fa el c++ come una simia
Rit.

La mia mama me ga dito
Che polenta e pesse frito
fa vignire el apetito
Rit.

La mia mama me ga dito
No sta far l'amor coi biondi
che i xe tuti furibondi
Rit.

La mia mama me ga dito
fa l'amor no xe pecato
basta farlo regolato
Rit.


La mula de Parenzo

(Popolare)

I.
La mula de Parenzo
ga messo su botega;
de tuto la vendeva,
de tuto la vendeva.
La mula de Parenzo
ga messo su botega;
de tuto la vendeva,
fora che bacalà!

Perché non m'ami più?

II.
Tutti mi chiamano “bionda”
ma bionda io non sono:
porto i capelli neri,
porto i capelli neri.
Tutti mi chiamano “bionda”
ma bionda io non sono:
porto i capelli neri,
sinceri nell'amor.

Perché non m'ami più?

III.
Sinceri nell'amore,
sinceri negli amanti:
ne ho passati tanti,
ne ho passati tanti.
Sinceri nell'amore,
sinceri negli amanti:
ne ho passati tanti,
e passerò anche te!

Perché non m'ami più?

IV.
La mia morosa xe vecia
la tegno de riserva;
per quando spunta l'erba,
per quando spunta l'erba.
La mia morosa xe vecia
la tegno de riserva;
per quando spunta l'erba,
la meno a pascolar!

Perché non m'ami più?

V.
Se 'l mare fussi tocio
e i monti de polenta,
ohi mama che tociade,
ohi mama che tociade.
Se 'l mare fussi tocio
e i monti de polenta,
ohi mama che tociade,
polenta e bacalà!

Perché non m'ami più?

VI.
Se 'l mare fussi vino
e i laghi de marsala,
tuta la vita in bala,
tuta la vita in bala.
Se 'l mare fussi vino
e i laghi de marsala,
tuta la vita in bala,
polenta e bacalà!

Perché non m'ami più?


La Mula Rossa

La mula rossa no la voio no!
La mula rossa no la voio no!
Co la camina la fa la mossa
(perchè in leto la fa la mossa)
la mula rossa no la voio no! - Lo so

La mula bionda no la voio no!
La mula bionda no la voio no!
Per le scarsele la me fa la ronda
la mu la bionda no la voio no!

La mula mora no la voio no!
La mula mora no la voio no!
La se pitura co' la farsora
la mula mora no la voio no!

La mula vecia no la voio no!
La mula vecia no la voio no!
La ga la ioza che casca in tecia
la mula ve ciano la voio no!

La mula grisa no la voio no!
La mula grisa no la voio no!
La ga la rafa su la camisa
la mula grisa no la voio no!

La mula rizza no la voio no
La mula rizza no la voio no
Soto i rizi la fa i caprizi
La mula rizza no la voio no


La strada ferata

(Popolare - 1857)

I.
E adesso che gavemo
la strada ferata,
in meza giornata
se vien e se va.
E tiche - tache - tuche…
ecc. ecc.

II.
E adesso che gavemo
la strada ferata,
con bela giornata
in gita se va.
E tiche - tache - tuche…
ecc. ecc.

III.
E adesso che gavemo
la strada ferata,
la boba in pignata
mai più mancherà!
E tiche - tache - tuche…
ecc. ecc.


La venderigola

(Edoardo Borghi “Oddo Broghiera” - 1895)

I.
Son de mestier venderigola in piazza,
son triestina, matona, sincera,
mi trato tuti con bela maniera,
solo un scartozzo no posso sofrir.

El vien, el palpa, el sbècola,
el resta là impalà
a dirme stupidezi
che proprio no me va.
Se ancora, el guardi, el stùziga,
ghe tiro drìo un limon;
go brazzi stagni e forti,
che nova? Sior paron!

II.
No cambiarìa la mia bula baràca,
nè istà, nè inverno, con qualche palazzo,
là sfido l' sol, co' la bora me iazzo,
ma no bazilo, san fata cussì.

Pecà che vien quel tàngaro
in guanti profumai;
per spender la flicheta
el tira su i ociai.
E po' 'l me disi «strucolo»
el tenta un pizigon…
go brazi stagni e forti,
che nova? Sior paron!

III.
Se qualche volta i me tira in barufa,
la cavelada va in aria, no nego,
e zigo forte che proprio me sbrego,
za chi che ziga ga sempre ragion!

E a quel ghe zigo: “bacoli!”
se 'l credi 'sto pivèl
de rimurciarme in casa
coi fruti in tun zestèl.
Son nata venderigola
a l'ombra del Melon,
go brazzi stagni e forti
che nova? Sior paron!


La vien o no la vien

(1913 - la ga un sottinteso politico)

I
Da che la prima volta
me go incontà con ela
mi ghe go dito : stela!
e muto son restà
Go dà l'apuntamento
tra i pini del Boscheto
ma come un povareto
per gnente go spetà.

Ritornello
La vien, la vien, la vien,
la vien po no la vien
l'afar de la putela
che impegni a mi me dà
xe come la storiela
de l'Università

II
Un giorno la prometti
che drio quel muro sconto
per l'ora del tramonto
la troverò de su
a comtemplar le stele
nei pressi del Castelo
xe vero iera belo!
ma no l'ho vista più

Ritornello

III
La sa che mi me piasi
più de ogni cossa al mondo
che go un amor profondo
che no se pl scordar
epur la me tormenta
no la se fa più viva
la zerco e la me schiva
la me fa bazzilar

Ritornello


Le galine tute mate

La Vecia de l'Apalto (Le Galine Tute Mate)

E la vecia, vecia, vecia,
de l'apalto, de l'apalto,
la gaveva un bel galeto.

Quando'l canta, canta, canta
'l verzi'l beco beco beco,
che'l fa proprio inamorar!

Amici beviam, beviam!
Amici beviam, beviam!

Le galine tute mate
per la perdita del galo
le ga roto'l caponaro,
de la rabia che le ga.

Le ga roto roto roto
'l caponaro, naro, naro,
de la rabia e che le ga! Le ga ga!

Amici beviam, beviam!
Amici beviam, beviam!

A le more, a le more
deghe trenta, deghe trenta,
a le bionde vintioto,
a le rosse, a le rosse
gnanca oto, gnanca oto,
a le grise un patacòn!

Amici beviam beviam!
Amici beviam, beviam!


Le Mule de San Giacomo

Le mule de San Giacomo
le porta el Cristo in peto
Le ga'l marì che naviga
l'amante soto el leto.

Bin bun ban,
al rombo del canon

Le prega el bon Gesù
che'el marì no torni più

El prete de San Giacomo
gà predicado in cesa
stè tente mule mie
che 'l triestin ve frega

e se el ve frega lu
dopo mi no lavoro più


Lili Marlene ( alla triestina)

Ich bin die frische Lola
genannt Dietrich Marlen
mir smaecht ja Coca Cola
e luganighe col cren.

Ich bin l’Angelo Azuro
von dreissig jahre fà
und halte ancora duro
fin che la va, lava.

Ich bin in Televisore
jeden mercoledì
und mit del profesore
canto kirikiki.

Quando che i tedeschi
Xe rivai a Rojan,
de le nostre tesere
ne ga cavado ‘l pan,
e no se trova più fasoi,
poveri noi,
cosa farem?
De fame morirem…
Con te… Lilì Marleen!

Soto la Defonta
Se stava tanto ben,
se magnava ovi
e luganighe col kren;
‘deso che i gnochi xe rivai
se magna poco
e squasi mai.
Lerai, semo fregai!
Con te… Lilì Marleen!

Prima dela guera
Stavimo ‘sai ben,
magnavimo capuzi
e luganighe col kren,
inveze adeso a lavorar
ne toca andar
senza magnar,
cusì ne morirem
con te… Lilì Marleen!

Fora se la caserma
Stemo ad aspetar,
co’la pignata
un poco de magnar.
Gnanca ai soldai
No i ghe la dà più
E li fa star
Sempre a digiun,
cusì ne morirem
con te… Lilì Marleen!

Quando a mesogiorno,
stanco del lavor
mi torno a casa,
i me canta el “Trovator”,
per zena monto in tranvai
e vadu su
de i sfratai
con te… Lilì Marleen!
Con te… Lilì Marleen!

Se sero i oci
Me par de magnar
Come una volta polenta e bacalà,
ma co li verso vedo che
no ghe xe più
gnanca ‘l cafè,
la guera vinzerem!?!
Con te… Lilì Marleen!?!


L'imperator de Cina

L’imperator de Cina
ga perso l’ombrelin
el ga ciapà la piova
e’l se ga bagnà ‘l codin.
E quando ch’el ga visto
el codin tuto bagnà
el ga ciapà le forfe
e’l se lo ga taià.

(primo verso anche El re dei Chinesi)


L'omo vespa

Da San Giacomo a Roian
iera un vecio fiol de un can
che sponzeva le culate
drioman

Guarda la mula la camina… dura!
la ga paura
dela puntura!

Guarda la mula la camina… lesta!
la ga paura
del'omo vespa!

E le mule ga trovà
un rimedio soprafin:
drio el cul le se ga messo
un lamierin!

Guarda la mula la camina… dura!
la ga paura
dela puntura!

Guarda la mula la camina… lesta!
la ga paura
del'omo vespa!


Lola

coss'te impari a scola
gnanca una parola
Balla el charleston

el charleston
el charleston
o che folia
o che passion


Marieta La Xe Picola

Marieta la xe picola
ghe alzeremo le crozsole
ghe slongaremo le cotole
per farla comparir


Marinaresca

(Una fresca bavisela)

Una fresca bavisela
la comincia sa sufiar
xe ponente, su la vela
che xe gusto a bordizar.

Te saludo dona mia
vado in barca a paiolar;
se stanote stago via,
no te devi diisperar!

Trieste dormi
el mar se movi apena
le stele brila
e le te fa sognar;

Se questa note
ciapo na sirena
mi te la voio
doman a regalar

se questa note
ciapo na sirena
mi te la voio
doman a regalar

Go con mi tre grandi afeti
quando vado, a navigar:
go Trieste, i tui oceti
e la barca per pescar

Ma domani, co fa giorno,
te me sentirà cantar
e te porto, quando torno,
tuti i pesi che xe in mar

Trieste dormi
el mar se movi apena;
le stele brila
e le te fa sognar;

se questa note
ciapo na sirena
mi te la voio
doman a regalar

se questa note
ciapo na sirena
mi te la voio
domani a regalar


Marisa

La incontro una sera in un bar de Barriera:
le gambe a rochel, de basa statura, un poca de panza e pien de pitura:
Però la gaveva piazà sul davanti do robe ve digo: do zuche giganti!

Ritornello:
Ma che tetone che gaveva Marisa
sbregava i botoni de quela camisa
do robe ve digo de farve paura
sicuro gaveva la nona misura!

“La bevi qualcossa”, mi fazo el finoto, “va ben” disi ela “bevemose un goto”
Do trape, ‘na bira, sei wiski e trè amari, un mezo de bianco e sete campari:
el conto xe alto 14 & 7, ma valeva la pena per quel per de t–e!

Rit.
Ma che tetone che gaveva Marisa,
sbregava i botoni de quela camisa,
do robe ve digo de farve paura,
sicuro gaveva la nona misura!

La porto su in casa, son tuto un ardor, la taca a spoiarse, son tuto un sudor:
però senza calze che gambe pelose, che muscoli ai brazi e che mani calose,
ghe svola la paruca, le tete xe finte, ghe pica do robe me par do s’cinche!

Rit.
Ma che co*o*i che gaveva Marisa,
do bale de tenis picava ala sbrisa,
do robe ve digo de farve paura,
‘na l*n*a gaveva de nona misura!

In preda al teror mi fugo de bruto, pe’l colo el me guanta quel gran farabuto,
per tera el me smaca con estrema violenza, mi zerco le braghe ma son za senza,
la paura xe tanta, no xe una uguale, in tel c*l me lo smaca, manca solo le b*le!

Rit.
Ma che mandingo jera quel zovinoto,
con un colpo de reni el c*l me ga roto
e da quela volta per strada e per via,
inveze de Mario i me ciama Maria!


Molighe el fil

(Popolare - sulla musica della marcetta Wien bleibt Wien)

Lo gavevo, lo gavevo,
lo gavevo e lo go lassà
perchè 'l iera, perchè 'l iera,
perchè 'l iera un diperà!

Molighe 'l fil che 'l svoli
quel mandriol peloso!
'l credeva che lo sposo,
inveze lo go lassà!…

Varianti della seconda strofa:

El me ga dà una vera
che no la iera bona:
Mi ghe go dito: - Mona,
mona de un disperà!

El me ga dà una vera
de quele de coltrina:
bonora la matina
la fuga el ga ciapà!


'Ndaremo a san Giovàni

(Popolare)

'Ndaremo a San Giovani col calèss,
faremo na magnada de bon pess,
e se magnando el pess
un spin ne va per tress,
faremo gargarismi de petèss!
e se magnando el pess
un spin ne va per tress,
faremo gargarismi de petèss!


No go le ciave del porton

No go le ciave del porton ( ter)
per 'ndar a casa

le go lassade in-t un canton
de la scarsela

No voio cafè nero, no
ma deme trapa

Ancora un litro de quel bon
po vado a casa

Marieta buta zo el paion
che dormo in strada


Noi semo de la legera

Noi semo de la legera
noi semo de Roian
ciavemo matina e sera
magari co la man

La nostra futura sorte
sarà certo la morte
e quando saremo morti
in una nera fosa
le nostre bianche osa
biancheggerano al sol


O Caro Moro!...

O caro moro,
abandona 'sta strada
che per mi la xe
sai dolorosa.

Te ga promesso
de farme tua sposa e,
inveze te me ga abandonà!


Oilà Renzo, Come Tu Danzi!

O Dio, lassème star,
che son gelosa,
che son nervosa!
O Dio, lassème star,
che son gelosa
de mio marì!

1° Ritornello
Oilà Renzo,come tu danzi!
Oilà Renzo, tu danzi ben!

2° Ritornello Se te danzi te paghi un litro,
se no te danzi te paghi do!

O caro N. come te bali
e caro N. te bali ben

Se no te bali te bali te paghi un litro
se note bali te paghi un litro

(probabilmente datata attorno al 1937, il motivo del ritornello ricalca quello di Larideròiza popòiza)


Osmiza

Stasera Marici cosa te fa
Xe caldo, xe afa, xe tuti in cità
La boca xe suta, me faria un bicerin
Andemo Marici xe unosmiza qua vizin,

Ecolo el frasco, l’osmiza xe là
La frecia xe ciara no se pol sbagliar
Xe un posto per tuti: dotori e fachini,
se magna e se bevi con un per de milini.

Rit.
Osmiza, osmiza, su a Gabroviza
Xe’l paradiso del triestin.
Osmiza, osmiza su a Gabroviza
‘ndemo Marici stasera mi e ti!

Varda i fiaschi che i porta su e zo
Xe bianco, xe nero, xe quel che te vol
Un fià de panzeta do ovi duri vizin
Coragio Marici ciol su col stechin.

Che voia Marici che me ga ciapà
De alzarme, de corer, de meterme a balar
Xe i muli che canta “viva la e po’ bon”
Altri se struca drio qualche canton.

Rit.

Alzite Toio che ‘ndemo in pajon
Ancor un bicer e te va su la pression
Mi no go voia che nassi scandal
Vardite omo che po’ te sta mal.

Xe vero Marici te ga ragion
Ma un bicer de rosso me fa sangue bon
L’osmiza per mi xe una gran medicina
Xe mejo ‘na bala che meza aspirina.

Rit.


Pa i debiti no i ne impica

Pa i debiti no i ne impica,
la forca no i ne dà,
mandeghe le lista al diavolo,
mandeghe le lista al diavolo,

Pa i debiti no i ne impica,
la forca no i ne dà,
mandeghe le lista al diavolo,
che lu la pagherà!

E zento,dozento,
trezento e anca più:
se no le paga el diavolo
le pagherà Gesù.

Me ocori zento lire
me ocori una zentona
ma chi sarà quel mona
ma chi sarà quel mona

Me ocori zento lire
me ocori una zentona
ma chi sarà quel mona
che me la impresterà


Pecà, pecà

Parole e musica di “Bruno Guisa” ossia Ugo Urbanis I premio al concorso 1890

I
No go pase, no magno e no dormo
da quel giorno che 'l m'ha dichiarado
che 'l xe mato inamorado
che nol fa che pensar sempre a mi
No so più quel che fazzo che digo
me par sempre sentir la sua vose
ma purtropo con le rose
ga sto amor scominziado e finì

Ritornello
Guai! guai! guai!
Non fidarti fanciulla giammai
a l e ardenti proteste d'amor
Sta canzon go sempre qua
passerà, pecà, pecà

II
Sul più bel, quando no me aspetavo
la mia vecia che xe furba e xe fina
la me disi una matina
(la mia mama che tuto la sa)
So che Gigi te ga inzinganà
Son restada a sentir che ela tuti
la saveva za i nostri progeti
Go risposto che l prometi
de sposarme al più longo sto istà

Mai mai mai
Lu sposarte domando- con quai?
bon ch e in tempo me son intaià
più d e un'ora la me ga
tambascà zigà tazzaà

III
Quel che mi go soferto si giorni
gnanca a un can no ghe bramo, ve giuro
son calada de sicuro
diese chili de sabato in qua
Figureve che in tuto sto tempo
lo go visto una sola giornata
iero tanto disperata
che mia mama cussì m'a calmà

Dai dai dai!
che in sto mondo no manca spiantai!
no sta pianzer te prego cussì
ma no iera destinà
passerà pecà pecà


Quando el mare fa burasca

(Popolare - circa 1850)

I.
Quando el mare fa burasca
e le onde le salta fora
Teresina la se inamora
Teresina la se inamora
Quando el mare fa burasca
e le onde le salta fora
Teresina la se inamora
de un misero pescador

II.
Pescador che va a la pesca
torna a casa tuto bagnado
Teresina son 'sassinado
Teresina son 'sassinado
Pescador che va a la pesca
torna a casa tuto bagnado
Teresina son 'sassinado
e a la pesca no vado più!


Quando m'inamorai

(Popolare)

I.
Quando m'inamorai iero a Valbruna
e al ciaro de la luna,
e al ciaro de la luna…
Quando m'inamorai iero a Valbruna
e al ciaro de la luna
fazevo a l'amor.

II.
Quando m'inamorai
iero a Sapada
e in mezo de la strada,
e in mezo de la strada…
Quando m'inamorai iero a Sapada
e in mezo de la strada
fazevo a l'amor.

III.
Quando m'inamorai
iero a Cortina
e in fondo a una cantina,
e in fondo a una cantina…
Quando m'inamorai
iero a Cortina
e in fondo a una cantina
fazevo a l'amor.


Quei de la cana

(Popolare)

Quei de la cana no li volemo!
Quei de la tecia, meno che meno!
E quei de l'ongia meno che sia!
A l'Armonia andaremo a balar!

Tute 'ste sartorele
le marcia col tabaro,
ma no le ga danaro
per darghe a Zanutel!

E ciumbalerilerà!
E ciumba lailiolailelilà!
E ciumbalerilerà!
E ciumba lailiolailelilà!

♫ Quei de la cana - Starec 241 - file midi


Quel Fazoleto...

Quel fazzoleto
che mi te go dà
moreto, le rì, moreto le rà,

Quel fazzoleto
che mi te go da,
moreto le rà, lo devi pagar!

Lo devi pagare
con grande sudor,
moreto d'amor, moreto d'amor,
moreto d'amor, lo devi pagar!
Con grande sudor lo devi pagar!


Salve Colombo

Musica attribuita a Franz Von Suppé

Salve Colombo, ligure ardito
che il nuovo mondo fosti palese.
A questo nostro sacro convito
noi ti invochiam gran genovese!

Qua semo una fameia
che no ghe diol la testa
nissun ne rompi i timpani
qua semo sempre in festa.

Chi no ghe xe na ciacola
ma alegri materan
ghe xe gran bele masce
dei nostri american.

Ave color vini clari
ave sapor sine pari.
Nos vagabunduli sumus giocunduli
sumus cristiani, americani
per omni popula populorum . Amen

Scultori artisti celebri
pittori e letterati
el vin da li se ciucia
che i par proprio mati

Chi no ghe xe na ciacola
ma alegri materan
ghe xe gran bele masce
dei nostri american.

Ave color vini clari
ave sapor sine pari.
Nos vagabunduli sumus giocunduli
sumus cristiani, americani
per omni popula populorum . Amen

Salve colombo - armonizzazione dell'utente del forum "Piereto" - file mp3


Santi ricordi

(Parole di L.G. Crociato, Musica di E. Leban - 1898)

I.
Sule tori l'alabarda
e la crose su in piazzal
de sta gente mai bastarda
xe stà l'unico ideal.

Quatro muri de fortezza
i serava la zità,
ma 'l gran fior de la belezza
mia qua dentro el ga mancà.

Ritornello:
Sì, sì, Trieste, mi te amo sempre,
amo i tui fiori, li go sul cuor;
qua go la cuna, qua go la tomba,
viva Trieste, tera d'amor!

II.
Da Caboro zo in Cavana,
da Donota a San Micel,
a do colpi de campana
come un fulmine del ciel

cento spade, cento cuori
iera pronti, ve so dir,
con un baso de sti fiori
ben contenti de morir.

Ritornello

III.
Xe ben caro quel fioreto
che vien su de sto giardin;
chi vol altri sul suo peto
no xe vero triestin.

Pute care, bei tesori,
che i ve dighi quel che i vol,
sè voialtre sti gran fiori
e Trieste el vostro sol.

Ritornello


Se ti te son sul leto...

(Popolare)

Se ti te son sul leto longa e larga
e mi son qua per farte la domanda:
«Te amo, te adoro, mio ben!»
Se ti te son sul leto, lerà,
e mi a ciel seren!

Se ti te son sul leto, bionda e bela,
e mi son qua per farte la sentinela…
«Te amo, te adoro, mio ben!»
Se ti te son sul leto, lerà,
e mi a ciel seren!

Se ti te son sul leto fra i cussini
e mi son qua con l'anima sui spini!…
«Te amo, te adoro, mio ben!»
Se ti te son sul leto, lerà,
e mi a ciel seren!


Se ti te credi

Se ti te credi
che'l moro te ama,
lui ga la madama
più bela de ti.

Se ti te credi
che'l moro te sposa,
lui ga la morosa
più siora de ti.

Se no'l me ama
mi vado in convento,
lo fazzo contento,
mi sposo el Signor.


Se tuti i bechi

Se tuti i bechi
portassi un lampion
Oh mama mia che iluminazion
Bechi de qua bechi de la
se no i xe bechi a Trieste no i sta

In piazza Granda
in Cafè dei Speci
xe quatro veci
che bevi cafè
Bechi de qua bechi de la
se no i xe bechi a Trieste no i sta

E se le vergini
portassi un lampion
orca che misera
iluminazion!
Bechi de qua bechi de la
se no i xe be chi a Trieste no i sta

In piaza Granda
ghe xe un monumento
de Carlo sesto
del mileseicento!
sufia le vento sufia la bora
tuti i colombi ghe svola de sora
Bechi de qua bechi de la
se no i xe bechi a Trieste no i sta

altri versi:

Françaises midinettes qui vont au boulevard
sont bele coquettes che fan delirar
mais des Apaches tu dois faire attention
che te i te beca i te dà un stramuson
Ohilalerì Ohilalerà senza la vela la braca no va

Am Sonntag am Prater wo trinkt man viel Bier
Es gibt schoene Maedchen che fan divertir
man isst Wiener Wuerstel mit Senf und mit Kren
man tanzt folemente man tanzt propio ben
Ohilalerì Ohilalerà senza la vela la barca no va

Magyari Budapest Koralihida
se te parli ungherese te vien la pivida
Tokay…. poznar
Se noi te capissi va farte spiegar
Ohilalerì Ohilalerà senza la vela la barca no va

per la corida in Ispagna i xe come mati
In mancanza de tori i copa anche i gati
Torero don Diego se fa mucho amar
perchè nol fa altro che sbudelar
Ohilalerì Ohilalerà senza la vela la barca no va

Quando mio pare pestava mia mare
piati e careghe svolava per aria
e mi credendo che fussi alegria
in compagnia svolavo anche mi
Ohilalerì Ohilalerà senza la vela la barca no va


Siora Marieta

Siora Marieta
dela chebeta
e la gaveva un useleto
Quando el cantava
'l verzeva el beco
E l'useleto ghe xe scampà

La stia bona
siora parona
che l'useleto ghe tornarà


Sì sì Trieste ...

Go dado una piada ala tavola,
go roto el bicer e la cichera,
la iera tropo picola,
la iera tropo picola,
ghe go dado una piada ala tavola,
go roto el bicer e la cichera,
la iera tropo picola…
…per far l'amor con mi.

Si…si… Trieste, mi te amo sempre,
amo i tui fiori e li go sul cuor,
qua go la cuna, qua go la tomba,
viva Trieste tera d'amor.
Si…si… Trieste, mi te amo sempre,
amo i tui fiori e li go sul cuor,
qua go la cuna, qua go la tomba,
viva Trieste tera d'amor.


Siora Filipa

Chi fa la spesa col caratel?
Siora Filipa.
Chi copa simisi col martel?
Siora Filipa.
Siora Filipa,
siora Filipa,
siora Filipa
xe una baba original.

Chi meti simisi in bucal?
Siora Filipa.
Chi ga in sgabel un papagal?
Siora Filipa.
Siora Filipa,
siora Filipa,
siora Filipa
xe una baba original.


Soto le tue finestre

Son Soto i Tui Balconi

Son soto i tui balconi,
son distirà sui sassi;
mandime zo i stramazi,
che dormirò più ben,
che dormirò più ben!

Son soto i tui balconi,
son distirà sui spini;
mandime zo i cusini,
che dormirò più ben,
che dormirò più ben!

Son soto i tui balconi,
son distirà su l'erba;
mandime zo la serva,
che dormirò più ben,
che dormirò più ben!


Soto el ponte de Roian

Soto el ponte de Roian
faremo fioi
ghe daremo de magnar
pasta e fasoi


Teresuta

Teresute

La gavevo incontrada per fatal combinazion,
mi imbriago, ele disfada in giardin dela stazion.
Dopo un mese ci sposammo, me ricordo un venerdì
su dei frati semo andai, ela imbriago e ela incandì.
Pena fora dela cesa in gostilna semo andai
E la sera mi e Teresa ierimo carighi e disgai.

Oh, Teresute ti te ieri un miragio
l'ocio de vetro e la gamba de fagio
altri difeti ti no te gavevi
ma te bevevi, sai te bevevi.

Ghe pasavo un bon mensile che la fazi de magnar
ma coi bori che ghe davo la me andava a sbevazar
dopo averme sbagazado, pe 'ndar bever anche 'l pajon
con un vecio peteser la me scampa a Monfalcon.
Te la incontro una sera soto 'l ciaro d'un fanal
distirada rente 'l molo, su la riva del canal.

Ghe go ligado una piera sul colo
e co' una piada la go svodà zo del molo
e zo in t'el'acqua un cocal la pareva
e la beveva, sai la beveva.

Iera tuta la contrada al grandioso funeral
iera el sinter de Gropada co' la banda comunal,
e davanti a 'tuti quanti, iera quatro papagai
che cantava a squarciagola l'ino dei alcolizai.
Mi contrito dal dolore me son fato un biberon
de do' litri de Marsala po' me son cazà in pajon.

Oh, Teresute ti te son in paradiso
no vedo più el tuo angelico viso
e del dolor bevo come un imbuto
ma bevo nero, perchè son in luto!

O Teresuta, te xe in Paradiso.
Mi me ricordo el tuo angelico viso
l'ocio de vetro che 'l me guardava
che 'l me fissava, che 'l me fissava

La gamba de legno la tegno in porton
e ogni tanto vado a guardarla
e a lustrarla e a lustrarla

la seconda parte apocrifa opera di Argeo Bozzi

Pel dolor e pel rimorso mi no bevo squasi più!
E se proprio bevo un sorso sento un gropo che vien su:
no poder andar de Trita, me fa come un crepacuor,
per saver una de drita son andado del dotor.
El me ga ben visitado per davanti e per dadrè
E po’ el me ga comandado de contar fin trentarè …

“Su giovinoto, contatemi tuto”
Mi fa e mi dice el dotor Canaruto
“Ogi la sienza ogni mal la rimedia”
Ghe go spiegado la mia tragedia.

Ma col tempo tuto pasa e pasà xe anche’l dolor.
Diese giorni mi iero in cassa e tornà son sul lavor.
Son un giorno capitado per fatal combinazion
Imbriago, anzi disfado in giardin de la stazion,
distirada sul mureto chi te vedo? La Flon Flon!
El mio amor de muleto co no iero imbriagon!

Ghe go butado i brazi sul colo,
e a far l’amor semo’ndadi sul molo
e da quel giorno mi no son più nervoso,
e bevo bianco perché … me sposo!


Ti col mus, mi col tram

(Popolare)

I.
Ti col mus, mi col tram
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman.
Ti col mus, mi col tram
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman.

II.
Ti col suf, mi col pan
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman.
Ti col suf, mi col pan
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman.

III.
Mi con ti e ti con mi
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman.
Mi con ti e ti con mi
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman.


Varda la Luna

Varda la luna
come che la camina (bis)
La pass ai mon
la passa i mon
la passa i monti
el mar e la marina

O mama mama
mandime a prender acqua (bis)
Là xe el mio amor
là xe le mio amor
la xe mio amore
che ala fontana aspetta

O mama mama
cosa m'hai fato fare (bis)
Iero a dormir
iero a dormir
iero a dormire
m'hai fatta risveliare


Vardila là!

(Popolare)

Vardila là che la camina,
e sì che xe Angiolina
che la lo vol sposar!

Vardilo là quel bulo scartozzeto, e sì che xe Carleto che la lo vol sposar!

Variante:
E, porco tron, brigante maledeto,
e sì che xe Carleto
che la lo vol sposar!


Viva là e po’ bon…

Versione n. 1
E viva là e po’ bon:
xe questo ‘l moto triestin.
Che la vadi ben,
che la vadi mal,
sempre alegri, mai pasion
viva là e po’ bon.

La mia biondina me ga lasà
Oh che pecà, oh che pecà!
La xe telada senza saver:
la xe andà star con un vecio baloner…

Versione n. 2
La galina con do teste,
la go vista svolazar
su pei coli de Trieste
l’alabarda sventolar.
Qua se bevi,
qua se magna,
qua se vivi in abondanza
e de bever no ne manca
viva là e po bon.
Ecc.

Ma la melodia la xe diversa dela no.1


Viva Noè

Viva Noè!
Il gran patriarca
salvato dall'arca
sapete perchè?

Perchè fu l'autore
del dolce liquore
che lieti ci fa,
ha, ha, ha, ha, ha, ha!

Bevettero i nostri padri? Si!
Bevetter le nostre madri? Si!
E noi che figli siamo,
beviam, beviam, beviamo! beviam!
Beviam del moscatello
che fa girar il cervello!
E noi che figli siamo,
beviam, beviam, beviamo!
beviam, beviam!


Vuoi che ti compri

( popolare)

I
Vuoi che ti compri un bel abitino
forse sarà quelo che ti guarirà
Non no no cara mama no
Voi non lo sapete il male che mi go
( non è questo il male che mi go)

II
Vuoi che ti compri un bel cappellino
forse sarà quelo che ti guarirà
Non no no cara mama no
Voi non lo sapete il male che mi go
( non è questo il male che mi go)

III
Vuoi che ti compri un bel ombrellino
forse sarà quelo che ti guarirà
Non no no cara mama no
Voi non lo sapete il male che mi go
( non è questo il male che mi go)

IV
Vuoi che ti compri un bel morettino
forse sarà quelo che ti guarirà?
Si si si cara mama sì
Questo iera el male che gavevo mi


Xe storto el palazo!

(Popolare)

Xe storto el palazo,
xe bruta la tore
e Mikez e Jakez
che bati le ore,

e Tinza e Marianza
le sta sul porton
a veder le siore
che vien dal liston.


Yuppy Yuppy Ala

(sull'aria di “She'll be coming roun' the mountain”)

Ala matina el marì va lavorar
L’american xe pronto per entrar
ma xe pù svelto el nero cola scala
Yuppy Yuppy Ala, Yuppy Yuppy A

E ala sera ‘l marì co xe tornà.
“Bruto castron” la baba ghe ga zigà,
la xe imbriaga de viski e de marsala.
Yuppy Yuppy Ala, Yuppy Yuppy A

E xe la mare che li va a impatar
E tuto ‘l giorno in jip la la fa ‘ndar.
E i porta a casa la roba co la pala.
Yuppy Yuppy Ala, Yuppy Yuppy A

Anca la mare l’inglese va imparar
E co’ la fia la se fa impatar,
la dixi “Okay”, la torna casa in bala.
Yuppy Yuppy Ala, Yuppy Yuppy A

E a la sera ‘l marì xe sul pajon,
l’american la speta zo in porton,
la monta in jip co’l s’ciopo sula spala
Yuppy Yuppy Ala, Yuppy Yuppy A

E dopo pranzo co’l torna de lavor
La trova in leto piena de dolor
La gà infiamada tuta la farfala
Yuppy Yuppy Ala, Yuppy Yuppy A

A nove mesi i muleti naserà
E no’i dirà né mama, nè papà
I dirà “Okay” e i ciaparà la bala.
Yuppy Yuppy Ala, Yuppy Yuppy A

E cari muli, scoltè anche sta qua,
che xe la pura e santa verità,
se ‘ndemo avanti ‘ncora de sto passo,
impegneremo el c***o al Monte de Pietà!


Queste pagine web fanno uso dei cookies. Usando queste pagine tu accetti che alcuni cookies siano memorizzati sul tuo computer. Usando queste pagine, inoltre, tu accetti di aver letto e compreso le nostre regole sulla privacy. Se non condividi queste regole ti chiediamo di lasciare questa pagina. In questa pagina trovi maggiori informazioni sul nostro uso dei cookies e la nostra gestione della privacy.
canzonette.txt · Ultima modifica: 03-02-2019 11:16 da babats