Informazioni sulla privacy

Strumenti Utente

Strumenti Sito


dialetto:s

Vocabolario triestino - italiano

Alla pagina indice del dialetto ci sono i collegamenti per scaricare le versioni pdf, epub, mobi e la versione cartacea del vocabolario.


Navigazione ipertestuale nel vocabolario
Premessa A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V X Z Frasi Metatesi Abbr
Si consiglia, prima di cercare una parola nel vocabolario, di leggere, nella premessa, i criteri ortografici seguiti per la scrittura. Ciò faciliterà la ricerca.

S

Le parole che iniziano con la lettera S sono divise in tre pagine
Dalla S alla Sc… Dalla Sd... alla So... Dalla Sp... in poi

S - Sc...

Termine Significato Esempi
Sabiòns.m.Sabbia, arenileEl sabiòn de GradoLa spiaggia di Grado
Sacalèvas.f.Tipo di rete da pesca, saccaleva
Barca adatta alla pesca con la saccaleva
Sachètas.f.Parte del porto di Trieste dove si trovano barche da diporto e da pesca; delimitata all'incirca dal molo Pescheria e la Lanterna
Sachètos.m.Giacca
Sacranòns.m.Persona poco rispettosa
Persona imponente
Imprecazione
Safèrs.m.Conducente di un autobus, un camion o un'automobile
Sàgomas.f.Sagoma, profilo
Tipo stravagante, strano, curioso, divertenteChe sagoma che iera quel mato.Che tipo strano (divertente, curioso) era quel tale
Sàiavv.AssaiIera sai de loriC'era molta gente
agg.MoltoSai bel, sai bon, sai mal,…Molto bello, molto buono, molto male…
Sàibas.f.Rondella e anche vera nuziale
Piattaforma girevole con binari a croce usata nel porto per ruotare i carri merci e istradarli, in poco spazio, da un binario parallelo al molo ad uno parallelo alla riva.
Salamàros.f.Sale inglese, solfato di magnesio, epsomite, un lassativo
Salàtas.f.Insalata, lattugaUn baro de salataUn cespo di lattuga
Salatìnas.f.Insalatina, lattughina
Saldìns.m.Molletta per fissare i capelli
Salìsos.m.Selciato
Saltamartìns.m.Cavalletta
Saltarèls.m.Salterello, una rete da posta; ce n'erano lungo la costiera triestina prima della diffusione della miticoltura
Saltimpànzas.m.Panino dolce e dalla forma allungata.
Salvàdigoagg.Vedi Selvadigo
Sampagnìns.m.Biscotto savoiardo
Sampièros.m.Sampietro, un pesce
Sandolìns.m.Piccola barca stretta e lunga, spesso data a nolo in prossimità degli stabilimenti balneari
Sanfasò (a la)loc.Alla buona, alla carlona
Sangiacomìnagg.Proveniente dal rione di san Giacomo
San Giovàniloc.E' il nome di un rione della prima periferia della città. Qui si trovava il manicomio, di cui la locuzione è diventata sinonimoFinir a san GiovàniFinire in manicomio
Quei de san GiovaniI matti, ma anche, a seconda del contesto, gli abitanti del rione
Sangiòz[o]s.m.Singhiozzo
Sanguètas.f.Sanguisuga, sia in senso proprio che metaforico
Saniòzs.m.Vedi Sangioz
Sanpièros.m.Vedi Sampiero
Santamarìas.f.Coccinella
Sant'Analoc.E' il nome di un rione della prima periferia. Qui si trova il cimitero della città. Di esso la locuzione è diventata sinonimoFinir a sant'AnaMorire
Sàntolas.f.Madrina
Sàntolos.m.PadrinoChi ga santoli ga buzolaiChi gode di protezioni, ha dei vantaggi
Sarasìns.m.Grano saraceno, con cui si produce una farina scura usata, talvolta, per fare la polenta (polenta de sarasin).
Sardèlas.f.Sarda, sardella, sardina, un pesce
Sardòns.m.Alice, acciugaButar sardoniFare la corte
Saresìns.m. Vedi Sarasin.
Sàrgos.m.Sarago, un pesce
Sarièsas.f.Ciliegia
Sariàndolas.f.Lucertola
Sasètos.m.SassolinoAndar a contar sasetiFinire in manicomio, ammattire
Satòs.m.Zabaglione
Sàtrapos.m.Persona poco affidabile.
Satùls.m.Cofanetto, portagioie
Savèrv.SapereA saver!Se lo avessimo saputo prima!
Savèstop.p.Forma irregolare del participio passato di sapere, saputo. Forse, però, è più comune savù[do].
Savòns.m.SaponeSavon de scafaSapone di colore giallo intenso usato per lavori grezzi. Anche sapone di Marsiglia
Lasar in savonLasciare in ammollo nell'acqua saponata
Savonètas.f.Saponetta
Sàzias.f.Sazietà, anche figuratoGo una sazia de luNon ne posso più di lui
Sbabazàrv.Ciarlare, spettegolare
Sbàfas.f.FameGaver sbafaEssere affamato
Sbafàdas.f.Mangiata
Sbafàrv.Mangiare voracemente
Sbagazàrv.Dare via, liberarsi di qualcosa, eliminare, vendere sottocosto.Go sbagazà l'auto veciaHo dato via la vecchia auto
Pulire alla buona disperdendoGo sbagazà la sofitaHo fatto pulizia in soffitta
Scarabocchiare
Sbàios.m.Sbaglio
Baglio; trave di sostegno della coperta di una nave e di collegamento alle murate
Sbandàrv.Inclinare. Contrariamente all'italiano, dove prevale la forma intransitiva, è usato spesso in forma transitivaNo xe bel sbandar el piato per ingrumar l'ultimo cuciar de brodoNon è educato inclinare il piatto per raccogliere l'ultimo cucchiaio di brodo
Sbaràrv.Sparare
Sbarrare
Sbàrchizas.f.Donna dotata di asino che porta latte, contrariamente alla iuza che lo porta a mano o sulla testa
Sbarufàdas.f.Grande lite
Sbarufàrsev.Litigare
Sbarufòns.m.Persona litigiosa
Grande lite
Sbasàrv.Abbassare
Sbasuciàrv.Sbaciucchiare
Sbatociàdas.f.Sballottamento, scuotimento
Sbatociàrv.Sballottare, scuotere, sbattere
Sbàtolas.f.Parlantina
Fame
Sbecolàrv.Piluccare, mangiucchiare, becchettare
Sbèrlas.f.CeffoneSe no te la pianti te dago una sberlaSe non la smetti ti do un ceffone
Sberlòtos.m.Ceffone, non troppo pesante però.
Sbèsolas.f.Mento prominente
Sbevazàrv.Bere smodatamente
Sbianchizàdas.f.Una mano di bianco
Sbianchizàrv.Imbiancare (alla buona)
Sbics.m.Piccola quantità. Vedi anche Bic
Sbìcias.f.Caffè fatto di surrogato o comunque lungoUn slonz de sbiciaUna tazza grande di caffè.
Piccola porzione (vedi anche Bic)
Sbiègoagg.Obliquo, in diagonaleDe sbiegoObliquamente
s.m.Sbieco, tela o nastro in cui la trama e l'ordito sono inclinati di 45 gradi rispetto allo svolgersi in lunghezza del tessuto; usato in sartoria per rifiniture particolari
Sbìgolas.f.Paura
Sbigolìte
Sbimbinarsev.rifl.Annoiarsi
Tirare per le lunghe un lavoro
Trastullarsi
Sbìros.m.Sbirro
FurbacchioneOci de sbiroOcchi da furbo
SbisigàrvArmeggiare attorno a qualcosa
Sbisighìns.m.Bambino vivace
Persona che si dà sempre da fare, sempre in movimentoGo un cinghial in giardin / picio ma sbisighinHo un cinghiale in giardino / piccolo ma vivace… (dalla canzone Go un cinghial in giardin dei Sardoni Barcolani Vivi)
Sbìzas.f.Vedi Spiza col significato di pezzetto di legno
Sblateràrv.Blaterare
Sbòras.f.Sperma
Sboràrv.Eiaculare
Sboràrsev.rifl.Fregarsene, infischiarsene
Sbratavèrs.m.Repulisti. Vedi anche Disbratar.
Sbratavèrums.m.vedi sbratavèr
Sbratavèrunts.m.vedi sbratavèr
Sbrazolàrv.Cullare tra le braccia (un bambino)
Sbregabalòn (a)avv.In gran quantità, a tutta forzaMagnar a sbregabalonMangiare fino a scoppiare
La banda sonava a sbregabalonLa banda suonava a tutta forza
Sbregàrv.Lacerare
Trionfare, avere successo inatteso
Sbregos.m.Taglio, lacerazione
Successo inatteso
Sbrindolàrv.Ridurre a brandelli
Sbrìndolos.m.BrandelloTe ga un sbrindolo dela camisa che cuca fora dele bragheTi si vede un pezzo della camicia fuori dai pantaloni
Membro maschile
Sbrindolòn (a)l.avv.Penzoloni, di cosa messa in modo da ciondolare in giùAndar a sbrindolonCamminare ciondolandosi, come chi non ha una meta precisa
Sbrindolòsoagg.Sciatto
Con l'abito a brandelli
Sbris (de)loc.Di striscio, di sfuggitaLo go ciapà de sbrisLo ho preso di striscio ma anche Lo ho incrociato di sfuggita
Iero a Roma, ma go visto el Coloseo de sbrisEro a Roma, ma ho visto il Colosseo di sfuggita
Sbrisàrv.ScivolareEl sbrisa ma no 'l cascaScivola ma non cade mai; detto di persona abile a schivare le difficoltà o anche di chi dà un aiuto inferiore alle aspettative ed alle sue possibilità.
Sbrisoagg.Male in arnese, disadorno, consunto, poco appariscente.
Sbrisòns.m.Scivolone
Sbrodàuss.m.Brodaglia.
Sbrodigàrv.Pasticciare e anche fare un lavoro male
Sbrodighèzs.m.Lavoro mal eseguito
Sbrodolàrv.Macchiare, insudiciare mangiando
Sbrovàdas.f.Scottatura, sbollentata
Delusione cocente
Sbrovàrv.Scottare
Sbrufs.m.Sbruffo, spruzzo d'acqua o di altro liquido che erompe improvvisamente da un orifizio
Sbrufàrv.Spruzzare, annaffiareSbrufarghe in muso a qualchedunScoppiare a ridere in faccia a qualcuno
Sbrufadòrs.m.Innaffiatoio
Sbrùfos.m.Vedi Sbruf
Sbrufòns.m.Accrescitivo di sbruf (vedi), quindi anche scroscio
Sbruffone, persona che vanta qualità o capacità che non possiede
Sbrumàrv.Vomitare
Pasturare l'acqua di mare per richiamare i pesci
Sbrùmos.m.Resti di materiale organico che si buttano nel mare, attorno alla barca, per richiamare i pesci
Sbudelà[do]agg.Sbudellato
Discinto, che ha la camicia fuori dai pantaloni
Sbudelàrv.Sbudellare
Sburtàrv.SpingereAndar a sburtar radicioEssere sotterrato
Sburtàrsev.rifl.Spingersi
Mettersi in mostra, farsi avanti, darsi da fareEl se ga 'sai sburtà per 'ver quel postoSi è messo molto in mostra per avere quel posto di lavoro (presumibilmente pregiato)
Sburtavapòris.m.Vedi Giral
Sbùrtos.m.Qualsiasi elemento che sporge rispetto alla parete di un edificio. In particolare delle strutture in legno e vetro che sporgono dai davanzali di alcune vecchie case
Sburtòns.m.Spintone
Ssa (a)loc.Usato solo nella frase andar a sbusa, non andare a buon fine
Sbusàrv.Bucare, forare
Figurato: violare le protezioni informatiche predisposte per limitare l'accesso a qualche risorsa
Ssoagg.BucatoEl ga le man sbuseHa le mani bucate
Scabèls.m.Comodino
Scàfas.f.Acquaio
Bocca (spregiativo)Sera quela scafaChiudi quella boccaccia
Appiglio in roccia
Scafàls.m.Scansia, scaffale
Scagarèlas.f.DiarreaColor scagarelaColore marrone verdastro pallido, non ben definito e sostanzialmente sgradevole.
Scagàzs.m.Confusione, chiasso
Scagazàrv.Cacare lordandosi e lordando in giro (anche figurato, per sparlare, sconfiggere con ignominia, ecc.).
Scàgnos.m.SgabelloMontar sul scagnoDarsi delle arie
Merda montada in scagnoPersona che, assurta a posto di responsabilità, non si comporta bene.
Scagòts.m.Diarrea
Scàias.f.Scheggia, scaglia
Amichetta
Scaiàrv.Scagliare, gettare
Scheggiare
Colpire la biglia in pieno centro
AbbassareScaia [el] panetoAbbassa la testa (nel gioco della cavallina, giocato sui ritmi della filastrocca “Tasi tasi momolo”.
Scàios.m.Ascella
Scaiòlas.f.Forfora
Scalandròns.m.Vedi Calandron
Piano inclinato per lo scarico delle navi
Scalcagnàp.p.Male in arnese
Scaldìns.m.Scaldaletto, scaldino
Scalfaròtos.m.Calzatura vecchia e malandata
Persona brutta e trasandata
Scàlfoagg.Incapace, buono a nulla, trasandato
Scalìns.m.GradinoEl iera duro come un scalìnEra ubriaco sfatto
Scalmànas.f.Vampata, caldana, accaloramentoMe ga ciapà una scalmanaMi è venuta una vampata
Son tuta una scalmanaSono piena di vampate di calore
Scalmanà[do]agg.Accaldato, scalmanato
Facinoroso
Scalmanàrsev.Accalorarsi, impegnarsi in maniera eccessiva
Scalògnas.f.Sfortuna
Scalognà[do]agg.Sfortunato
Scalzacàns.m.Dicesi di persona che sa fare molto male il suo lavoro
Scampòns.m.Breve visita, capatinaDe scamponDi sfuggita, di fretta
Scancelàrv.Cancellare
Scansafadìghes.m.Scansafatiche
Scansàrv.Evitare
Scantinàrv.Oscillare, essere malfermoCo la bora quel pal scantinaQuando soffia la bora quel palo oscilla
Prendere una brutta piegaSu marì ga scantinà un poco, ma 'deso el ga meso la testa a postoSuo marito ha preso una sbandata, ma adesso ha messo la testa a posto
Avere un rendimento scadente in una disciplina scolasticaEl mulo scantina in italian e latinIl ragazzo non ha un buon rendimento in italiano e latino
Scapelotos.m.Scappellotto.
Scàpola (far)loc.Marinare la scuola. Sostituito sempre più spesso da far lipe o tirar lipe (vedi Lipe)
Scapolàrv.Evitare un onere, farla franca evitando qualcosa…A dicioto ani el ga scapolà el militarA diciotto anni ha evitato il servizio militare
Son finì in ospedal, ma la go scapoladaSono andato all'ospedale, ma mi è andata bene
Termine marinaresco: superare un ostacolo o un pericolo
Termine marinaresco: liberare un oggetto da qualcosa che lo sta trattenendo
Scapuzàrv.Andar fuori dalle regole
Scarabòcs.m.Scarabocchio
Scarabociàrv.Scarabocchiare
Scardòbolas.f.Mollusco marino usato come esca
Persona lenta nei riflessi, o comunque di poco valore, piccola di statura, …
Scarfaròtos.m.Vedi Scalfaroto
Scarpèls.m.Scalpello
Scarpelàdas.f.Scalpellata
Scarpelàrv.Scalpellare
Scarpelìns.m.Scalpellino
Scarpènas.f.Scorfano, un pesce. Per estensione anche donna brutta e sciatta.
Scarsèlas.f.Tasca
Scarselìns.m.Taschino
Scartàzas.f.Spazzola
Scartazàdas.f.Spazzolata
Strigliata, sia in senso letterale che figurato
Vittoria o sconfitta, a seconda dei punti di vista, inequivocabile ed irrimediabile; batosta Ghe gavemo dà una scartazadaLi abbiamo battuti inequivocabilmente
Gavemo ciapà una scartazadaAbbiamo perso inequivocabilmente
Scartazètas.f.Taglio dei capelli a spazzola
Scartazìns.m.Spazzolino
Scartozètos.m.Piccolo cartoccio ottenuto arrotolando a forma conica una striscia di carta usato sia come contenitore che, nelle sue forme più minute, come proiettile da soffiare con le cerbottane.
Cialda a forma di cono per il gelato
Damerino
Scartòzos.m.Cartoccio
Damerino
Scasàrv.Scuotere.
DeteriorareEl ga un'auto scasadaHa un'automobile malandata
Scasòns.m.Scrollata, scossoneA magio e setembre del 76 el teremoto ga dà un bel scason anche a TriesteNel maggio e settembre del 76 il terremoto ha dato un robusto scossone anche a Trieste
ScroscioXe vegnudo un bel scason de piovaC'è stato uno scroscio di pioggia
Scataraciàrv.Scatarrare, sputare
Scaturìrv.Reagire con uno scatto d'ira
Scavàrv.ScavareEl ga rivà a scavar un seiÈ riuscito a prendere immeritatamente una sufficienza
Scavatèras.f.Talpa
Pala meccanica
Scavezàrv.Piegare, torcereScavezà in colombaDi cosa che non sta dritta come dovrebbe
Sciancato
Stirare, slogareMe son scavezà un pieMi sono stirato (slogato) un piede
Scazacàns.m.Vedi Scalzacan
Scazàrv.Cacciare via, allontanare
S'cènzas.f.Scheggia
S'cenzàrsev.Infilarsi una piccola scheggia sotto pelle
S'cetoagg.Schietto, sincero, puroBrodo s'cetoBrodo senza pastina
Schènas.f.Schiena
Schenàdas.f.Schienata; colpo di schiena per sollevare un carico.
Merce portata abusivamente fuori dal porto nascondendola sulla schiena
Schèos.m.Soldo, di solito usato al plurale.No go schei de darteNon ho soldi da darti
Schìlas.f.Gambero della sabbia, molto piccolo, mangiato fritto tutto intero
Persona molto magra e minuta
La ragazza (ormai in disuso)
Schincàrv.Scheggiare
Schìncos.m.StincoUn schinco de vedel (de porco)Uno stinco di vitello (di porco)
Persona molto magra
Schivàrv.Schivare, scansare
Schizs.m.Un goccio, un po'. Vedi anche Schiza
Schìzas.f.Goccia o anche quantitativo minimoNo te gaverà miga paura de do schize de piovaNon avrai mica paura di due gocce di pioggia
Metime nel cafè una schiza de lateMettimi nel caffè una goccia di latte
Schizà[do]p.p.MattoMa cosa te son schizà?Ma sei matto?
Schizàrv.Cominciare a piovere, piovere leggermenteCome xe el tempo? Schiza.Come è il tempo? Comincia a piovere un poco
SpruzzareLa mula se sta calando in aqua per le scalete. Andemola a schizar.La ragazza sta scendendo in acqua per la scaletta. Andiamo a spruzzarla (tipico dispetto di chi è già nell'acqua, al mare, e va a bagnare chi sta scendendo magari accaldato)
Per stirar ben i linzioi bisogna prima schizarli de aqua in modo che i sia basotiPer stirare bene le lenzuola bisogna prima spruzzarle d'acqua in modo che siano umide
SchiacciareEl me ga schizà de ocioMi ha fatto l'occhiolino
Scappare, allontanarsi, togliersi di impiccioCo 'l ghe ga domandà de sposarlo, la xe schizada via come un levro Quando le ha chiesto di sposarlo, è scappata via come una lepre
SchizignòsoSchizzinoso
Schìzoagg. Del naso se voltato all'insù, camuso
S'ciabàtolos.m.Vedi Cibatolo
S'ciàfas.f.Schiaffo
S'ciafòns.m.Ceffone
S'ciafùzas.f.Buffetto
S'ciantìns.m.Un pochino
S'ciàpas.f.Schiappa
S'ciapoagg.Poco bravo, poco abile
S'ciarìdas.f.Rasserenamento
S'ciarìrv.Schiarire
S'ciàvoagg.Slavo, spesso spregiativo
S'cibàtolos.m.Vedi Cibatolo
S'cicàrv.Produrre un suono definibile con s'cic s'ciac (vedi), schioccareNo sta' s'cicar le bole (del bollato)Non far scoppiare le bolle del bollato
S'cic s'ciacs.m.Cic ciac, voce onomatopeica per definire un rumore periodico come potrebbe essere, ad esempio, quello di una scarpa che ha attaccato sotto la suola qualcosa di appiccicoso, o che viene battuta, camminando, ritmicamente sull'acqua.
S'cìncas.f.Biglia di terracotta. Poi veniva la piereta, poi el bobo, più pregiato, e infine l'acciain.
SborniaEser in s'cincaEssere ubriaco
S'cincapènes.m.Scribacchino
S'cincàrv.Colpire la biglia avversaria
Scheggiare
S'ciòcas.f.Scoppio, botto
S'ciocàrv.Scoppiare (meno forte di s'ciopar)
S'ciocàrsev.Scontrarsi (di veicoli)
S'ciòcos.m.Schiocco, botto
S'ciodàrv.Schiodare
S'ciopàp.pScoppiato.El xe s'ciopàE' fuori di testa
S'ciopadùras.f.Screpolatura, fessura, crepa
S'ciopàrv.ScoppiareVardè che la s'ciopaAttenti che qualcosa di grosso sta per succedere
S'ciopetas.f.Panino fatto arrotolando una striscia di pasta di pane sulla quale viene praticato un taglio longitudinale per favorirne la lievitazione
S'ciòpos.m.Fucile, schioppo. Si noti che non vuol dire scoppio che in dialetto si dice, piuttosto, tiro. Ha il significato di scoppio solo come prima persona dell'indicativo presente del verbo s'ciopar (vedi).
S'ciùmas.f.Schiuma
S'ciumadòras.f.Schiumarola
Scleràrv.Sragionare, essere fuori di testa
Scòderv.Riscuotere e per estensione anche scroccare
Scogolàrv.In montagna, il far franare dei sassi (cogoli, vedi) lungo un pendio
Scòis.m.
plur.
Plurale di scoio (vedi)
Scogliera, successione di massi posti a difesa di un'opera costruita sulla riva del mare
Per antonomasia, la scogliera di BarcolaSe trovemo sui scoi, al California?Ci troviamo sulla scogliera di Barcola all’altezza del ristorante California?
Scòios.m.Isoletta rocciosa, scoglioEl me ga lasà come Limpia sul scoioMi ha abbandonato come Olimpia sullo scoglio (modo di dire)
MassoDistiro el sugaman sul scoio e me meto a ciapar sol tuto el dopopranzo
Elemento di una scogliera artificiale (vedi Scoi)
SassoEl me ga tirà un scoio e 'l me ga ciapà quaMi ha tirato un sasso e mi ha preso qua
Scoionàrv.Seccare
Scoltàrv.Ascoltare
Scòmbros.m.Sgombro
Scondariòlas.f.Sotterfugio
Strada secondaria e po­co frequentata per raggiungere un luogo cui si va normalmente per altre vie
Scònderv.Nascondere
Sconderiòlas.f.Vedi Scondariola
Scòndersev.NascondersiZoghemo a sconderseGiochiamo a rimpiattino
Scondòn (de)loc.Di nascostoVedèrse de scondònIncontrarsi di nascosto
Scòntop.p.Nascosto
Scopelòtos.m.Vedi Scapeloto
Scòpolas.f.Colpo, ma anche danno o colpo in senso figuratoEl ga ciapà una bruta scopolaHa avuto una brutta botta, malattia, un grave danno
Scorèsas.f.ScoreggiaTe ga una ziera de scoresaHai una brutta cera
Scoresàrv.Scoreggiare
Scorlàrv.Scuotere, scrollareSoto el GMA se te scorlavi le straze fora dela finestra dopo le nove de matina e te becava un cerin te pagavi la multaAi tempi del Governo Militare Alleato se sbattevi gli stracci della polvere fuori dalla finestra dopo le nove di mattina e ti vedeva una guardia, pagavi la multa.
Scorzàrv.Scorzare, sbucciare, anche figuratoMe son scorzà un zenocioMi sono sbucciato un ginocchio
Muro scorzà Muro il cui intonaco è rovinato e lascia vedere la parte sottostante la superficie
Quadro scorzàDipinto in cui si sono staccati alcuni pezzi del colore
SbrecciarePiati scorzaiPiatti sbrecciati
Scorzadùras.f.Scorzatura, danneggiamento della superificie di un oggetto con asportazione di piccole parti dello strato superficiale
Scotàdas.f.Scottatura
Grossa delusione
Scotadèo (a la)l.avv.Dicesi di cibo arrostito velocemente e mangiato caldo
Per estensione, cosa fatta alla svelta
Scotadùras.f.Scottatura, ustione
Scotàrv.Scottare
Scòvas.f.ScopaScova nova scova benSi dice di una persona che, arrivata di fresco ad una mansione, la svolge bene
Scovàrv.Scopare, spazzareLo go scovà foraLo ho scovato
Scovàzas.f.Immondizia
Scovazèras.f.Pattumiera
Scovazòns.m.Recipiente per la raccolta delle immondizie, immondezzaio (anche figurato)
Scovercià[do]p.p.Scoperchiato, ma anche matto
Scovèrzerv.Scoprire. Non in senso figurato: la “scoperta dell'America” resta “scoperta de l'America” anche in dialetto.
Scovolìns.m.Scopino
Scòvolos.m.Scopino, e anche mazzo di fiori in senso spregiativoLa vecia ga 60 ani, ghe devo comprar un scovolo.Mia moglie ha 60 anni, le devo comprare dei fiori
Scribaciàrv.Scrivere alla buona, scribacchiare
Scribacìns.m.Scrivano, scribacchino. Può essere usato in senso spregiativo per indicare un impiegatuccio
Scrics.m.Stiramento muscolare, colpo della strega, contrattura muscolare
Scricàrv.Scricchiolare
Scrocs.m.Serratura a scatto che consente di chiudere la porta a spinta, ma di aprirla solo con le chiaviSon 'ndà via, go serà la porta col scroc, ma i me xe vegnudi dentro lo stesoSono andato via, ho chiuso la porta con lo scrocco, ma [i ladri] sono entrati comunque
A scrocA scrocco
Scrodigàrv.Scotennare, scorticareMe vado a scrodigar in vascaVado a lavarmi nella vasca da bagno
Scrofàls.m.Epiteto offensivo per una donna, quindi donna incredibilmente brutta o truccata in maniera eccessiva e maldestra o, anche, donna di malaffare
Scrovòns.m.Puttana, con un forte significato peggiorativo
Scrufolàrsev.Accovacciarsi
Scudèlas.f.Scodella, ciotolaCavei taiai co la scudelaCapelli tagliati come se si fosse usata una scodella posata sulla testa per segnare l’altezza del taglio
Scudelètas.f.Tazzina
Scudelòtos.m.Grossa scodella
Scùfias.f.Cuffia
Il capovolgersi dell'imbarcazioneFar scufiaCapovolgersi (di un'imbarcazione)
Sbornia
Infatuazione, cotta, innamoramento
Scufiàrv.Capovolgere un'imbarcazione
Scufiòtos.m.Cuffia
Scappellotto
Scuminziàrv.Cominciare
Scurètas.f.Assicella di circa un cm. di spessore (secondo alcuni la misura standard era 13 mm)
Scùrias.f.FrustaDaghe de scuriaFrustalo
Scuriàrv.Frustare
Scùroagg.Scuro, buio
s.m.Persiana
Scurtàrv.Accorciare
Scurtariòlas.f.Scorciatoia
Scurtòns.m.Pezzo di qualcosa che in realtà è molto più lungo, scampoloUn scurton de cadenaUn pezzo di catena
Le parole che iniziano con la lettera S sono divise in tre pagine
Dalla S alla Sc… Dalla Sd... alla So... Dalla Sp... in poi
Navigazione ipertestuale nel vocabolario
Premessa A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V X Z Frasi Metatesi Abbr
dialetto/s.txt · Ultima modifica: 09-12-2018 21:15 da sono_piccolo_ma_crescero